Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Fortitudo Pallacanestro 103 sta per essere partorita. Dopo lunghe doglie sembra che ci siamo e, a questo punto, non resta che presentarsi alla nascitura con il sorriso delle grandi occasioni, senza chiedersi se la si voleva proprio così. Ovviamente la “sala parto” è lo studio di un notaio, Stefano Ferretti, che alle 17 ha dato il via all’operazione che scriverà un nuovo capitolo nella storia delle Fortitudo. Marco Calamai ha fatto tutto ciò che era in suo potere per avere una realtà che potesse essere condivisa dai tifosi storici della “Fossa dei Leoni”, come da coloro che hanno sposato il progetto Biancoblù. Dimenticare, per qualcuno, non sarà facile, ma andrà fatto: perchè una guerra intestina complicherebbe ulteriormente un cammino già di suo molto complesso. Chiaro non sarà la vera Fortitudo, diciamo qualcosa che ci assomiglia, qualcuno dice una nipotina. Ci si chiede, però, se, per avere una nipotina, bisognava rovinarsi la vita per degli anni e se non conveniva direttamente adottare un figlio come ha fatto Sabatini con Castelmaggiore… Ormai è andata, ora non resta che farsi piacere questa Fortitudo e sostenerla, senza se e senza ma. Anche perchè l’alternativa si chiama cinema, novantesimo minuto, vasca in via Indipendenza per la gioia dell’assessore Colombo e dei suoi T days. Dante Anconetani sarà il Presidente e vi sarà spazio, per una quota pari al 15%, per una cooperativa di tifosi, denominata Orgoglio Fortitudo, che pare abbia già raccolto 50000 euro. L’85% farà capo a Fortitudo 2011 che dovrà mettere, indicativamente, gli altri 300000. Cosa si fa con una cifra del genere? Si gioca per vincere la DNB, ci si salva in DNA. Chiaramente se si è capaci di lavorare.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvn_basket_20130618.mp4

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.