Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Mancano poco più di 24ore ad una delle partite più importante della fine del campionato per il Bologna. Per battere il Cagliari non ci sono ne poteri magici ne strane combine. Pioli si affida ai suoi uomini che a detta sua non sono né sazi ne tanto meno scarichi. La situazione delle ultime partite non è da attribuire ad atteggiamenti sbagliati della squadra, che è sempre rimasta concentrata e carica, ma a una sorte per cosi’ dire di scelte di conclusioni sbagliate e poco fortunate, almeno per quanto riguarda le ultimissime prestazioni. L’esclusione forzata di Marco Di Vaio e quella sempre più certa di Ramirez per tonsillite, portano inevitabilmente a scelte ben precise o forse; perchè Pioli dovrà ancora capire se sia più idoneo cambiare modulo per questa gara interna o se continuare a insistere con il modulo del 3-4-2-1 cambiando solo gli interpreti. Nella prima ipotesi si potrebbe vedere un attacco formato da Acquafresca e Gimenez con l’unico trequartista Diamanti. Senza dubbio l’unica cosa certa è che sarà, o per meglio dire dovrà essere la partita di Robert Acquafresca. Si è tanto parlato dell’ex Cagliari, come sostituto ideale del capitano per quanto riguarda il prossimo anno, ma fin’ora lo stesso non ha dimostrato di esserne all’altezza. L’esclusione del numero 9 quindi, darà l’opportunità di dimostrare quanto fin’ora non fatto, o almeno fatto solo parzialmente e a sprazzi. Gli interpreti del vecchio modulo potrebbero, il condizionale è d’obbligo, essere Diamanti e Kone con l’unica punta Acquafresca. Il capitolo Ramirez poi, riserva uno spazio a parte, assente per tonsillite si è allenato solo oggi dopo alcuni giorni di stop. Come lo stesso Pioli ha confermato vede già difficile il suo utilizzo domani sera al massimo se è nelle condizioni potrebbe entrare a fare qualche minuto, è escluso che possa partire dal 1°. Chi è vicino al rientro è Garics, dovrebbe essere pronto per domenica contro il Siena, gara altrettanto delicata per ì rossoblu. La cosa che spaventa di più degli avversari al momento è il centrocampo, il nostro ex Ekdal, Conti e Nainggolan, una linea mediana decisamente forte e di sostanza, sicuramente inferiore a quello del Cesena affrontato sabato, e per questo qualcuno potrebbe avere timore. Aspettando di sorridere nel vedere alcuni risultati di questa sera, soprattutto la partita del Lecce è nel mirino di molti bolognesi, si sorride guardando gli indisponibili del Cagliari Pinilla in primis, calciatore che è capace di lampi di classe, sette reti da quando è in Sardegna.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.