Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Fortitudo Pallacanestro, sentito il proprio legale di fiducia Avv. Prof. Tommaso Marchese, puntualizza che la decisione assunta ieri dalla Corte Federale della F.I.P. è stata in primo luogo determinata dalle eccezioni del proprio difensore, il quale ha dedotto a verbale l’inammissibilità dell’appello proposto dalla Premiata Montegranaro senza conoscere le motivazioni della pronuncia adottata dalla Commissione Giudicante Nazionale. L’eccezione resta agli atti, e la corte dovrà ovviamente farsi carico della decisione sul punto anche all’esito della eventuale, ma ormai tardiva, notificazione della “memoria integrativa” da parte della società marchigiana. Inoltre, l’approfondimento istruttorio disposto dalla Corte non appare idoneo di per sé a “riaprire il caso”, ma appare verosimilmente proteso ad ottenere una conferma formale della direzione di gara in ordine all’accaduto, non essendo possibile per regolamento utilizzare le riprese televisive. La Fortitudo Pallacanestro attende serenamente gli sviluppi del procedimento, sottolineando da un lato l’inammissibilità dell’iniziativa giustiziale della Premiata e, dall’altro, ribadendo che tutte le apparecchiature cronometriche in uso al PalaDozza erano, nell’occasione, perfettamente funzionanti a norma dei regolamenti federali e internazionali, come direttamente verificato prima dell’inizio della gara da uno degli arbitri designati.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.