Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Nella prima uscita europea stagionale la Fortitudo – priva degli infortunati Woods e Bagaric ma con Fucka e Dj Strawberry a rinforzare l’organico – scende sul parquet dell’Artland Arena con Huertas, Gordon, Mancinelli, Achara e Cittadini. Il primo canestro per i biancoblù arriva dopo 1’15’’ con Gordon (0-2), poi Cittadini su assist di Huertas (2-4). Dopo 2’30’’ di gioco entra con il numero 15 Gregor Fucka per Citta, mentre dall’altra parte Blalock pareggia (4-4). Parziale di 9-0 per la Effe con Mancinelli e Achara fino al massimo vantaggio (+9 per il 4-13). Break di 7-0 per i Dragons che si riportano sotto di 2 lunghezze (11-13), mentra DJ Strawberry calca il parquet avversario. Fucka non sbaglia (11-15) ma sulla sirena Whiting realizza (13-15). Perfetto equilibrio nel secondo quarto per le due formazioni che lottano punto a punto. Prova a scappare la Fortitudo con un parziale di 9-3 (23-31) targato Gordon, Fucka, Lamma e Stawberry, poi il tono difensivo cala e Neitzel per due volte dall’arco, Madrich e Fenn ne approfittano tornando a -1 (36-37). Le triple di Malaventura e Strawberry riportano ritmo e sicurezza per la Effe che va a riposo con 5 lunghezze di vantaggio (38-43). Alla ripresa si scatena Dj Strawberry, che in 2 giri di lancette segna 7 punti – 16 totali fin qui realizzati – (43-50) ma 2 triple consecutive di Hess riportano i Dragons a -1 (49-50). Il fallo antisportivo fischiato a Fucka porta Fenn in lunetta per il primo vantaggio dei padroni di casa (51-50). Hess dalla linea fa l’1/2 del -2 biancoblù, ma Strawberry pareggia a 4’48” (52-52) e Gordon allunga dall’arco (52-55). Sono ancora Fucka e Gordon a cercare lo stacco (56-61), ma per Madrich dall’altra parte è tutto troppo facile (60-61). Apre l’ultimo quarto subendo un parziale negativo la Fortitudo, che si fa superare con un break pesantissimo (9-0) dai padroni di casa (69-61). Strawberry interrompe la striscia avversaria (69-63) e Lamma dall’arco accorcia (71-66). Niente da fare, l’inerzia innescata dai Dragons è irreversibile e la Effe precipita per due volte a -10 (76-66 e 80-70). I Dragons gestiscono il vantaggio in modo impeccabile fino al 40’. La Fortitudo cede le armi perdendo non solo una gara importante ma anche una grande occasione.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.