Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Appena ammessa al campionato di Lega Due, la nuova Fortitudo comincia a guardarsi intorno per il capitolo giocatori. Se è vero, come sembra, che per quanto riguarda la panchina Gigi Garelli sia vicinissimo a firmare per la F scudata, si possono legittimamente cominciare a tracciare alcuni possibili scenari: innanzitutto la permanenza in biancoblù di Davide Lamma, che proprio da Garelli a Vigevano fu rigenerato fino ad approdare in Nazionale. Ma non solo: Udine, la storica società dove lo scorso anno allenava proprio Garelli, ha rinunciato all’iscrizione al campionato per motivi economici, e ciò ha liberato giocatori degni di grande attenzione, a caccia di un nuovo ingaggio. Fra i lunghi è di sicuro interesse il comunitario Gerald Lee, che ha dato sfoggio di una certa agilità e pericolosità in area, realizzando quasi 15 punti e 6 rimbalzi ad incontro. Il finlandese non è però l’unico straniero che ha ben figurato alla corte di Garelli: il coach ha dimostrato anche quest’anno di saper scegliere bene i propri giocatori, e con la guardia Clint Harrison e l’ala J.J. Williams ha fatto vedere i sorci verdi a tutti. Harrison ha già 35 anni ma è fisicamente integro, ed ha chiuso la scorsa stagione sfiorando i 16 punti ad incontro con l’incredibile media del 41% da 3 punti; Williams, invece, è un’ala esplosiva, che aveva giocato per coach Garelli anche nell’annata precedente a Vigevano, e che nel 2009 ha vestito la prestigiosa canotta del Maccabi, che lo aveva preso di mira dopo due buone annate all’Hasharon. Giocatori, insomma, che farebbero davvero la fortuna della Fortitudo. Come si dice in questi casi, se son rose fioriranno.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.