Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

UNA SETTIMANA particolare, più difficile delle altre, con tante tensioni e voci di mercato che coinvolgevano giocatori e società. Da questo tourbillon la Carife è uscita nella maniera migliore, con due punti ed una vittoria che tonifica e da fiducia ed entusiasmo. E il giorno dopo Giorgio Valli non può che ribadirlo. «Questo gruppo si conosce a menadito — spiega il nocchiero estense — ed ha risposto nella maniera migliore. La nostra dote è l’equilibrio, nelle vittorie e nelle sconfitte, e la capacità di isolarsi dal resto del mondo e dall’ambiente esterno. Ci siamo compattati e abbiamo fatto da scudo superando sempre ogni vicissitudine, senza deprimerci, ed è stato così anche questa volta». La risposta del gruppo è anche nelle cifre; avete tenuto Avellino a 66 punti ed avete vinto pur tirando con il 15% da tre punti. Un’impresa, è d’accordo? «Non mi stancherò mai di ripeterlo, questa squadra parte dalla difesa e da lì deve costruire ogni suo successo. In caso contrario, non si va da nessuna parte. Era stato così anche con Milano, poi purtroppo abbiamo perso per degli episodi». La dedica finale del Sandrc Crovetti era tutta per lei. «Non ce n’era bisogno, ma lo ringrazio lo stesso. C’è un rapporto di stima profonda e reciproca tra me e lui, si lavora bene insieme. Siamo compatti e c’è unità di intenti all’interno della squadra e delle società». Harold Jamison ha stravinto il duello con Eric Williams; spendiamo due parole su di lui? «Lui era molto stimolato da questa sfida e da questa partita, ed infatti alla fine era felicissimo, come il resto delle squadra. Ad Avellino c’erano i suoi primi tifosi italiani e non voleva sfigurare. Ha giocato una gara concreta, riscattando alcuni errori commessi con Milano. Ma da lui me lo aspettavo». Si aspettava anche uno Zanelli così protagonista anche in serie A? «Lui è un ragazzo serio, che rispetta sempre ogni consegna e che sa rendersi utile in tante cose, in difesa come in attacco. E’ un bravo ‘studente’». Due vittorie dopo sei giornate; ere impensabile all’uscita del calendario? «E’ un bilancio indubbiamente soddisfacente, ma non dobbiamo commettere l’errore di pensare che ora avremo partite più facili. Anzi, ci aspettano altre ventiquattro battaglie, ma l’importante è guardare una gara per volta e conservare questa voglia. E’ stato bello domenica tastare con mano la felicità di tutti nello spogliatoio». Sinceramente: quanto l’hanno fatta arrabbiare e quanto la fanno arrabbiare tuttora, le critiche a Ebi e Riley? «Molto, non tanto perché possono essere o meno giustificate, ma perché non aiutano il resto della squadra, che così può pensare di non essere partecipe delle responsabilità di una vittoria o di una sconfitta. Se poi andiamo al nocciolo della questione, dico anche che mi sono sembrate eccessive, perché se uno non gioca bene è anche colpa dei compagni o dell’allenatore, che magari non lo mettono nelle condizioni migliori per esprimersi al top. Questi due ragazzi ci tengono al gruppo e non sono venuti qui a giocare solo per le loro statistiche». Cosa chiede o loro ed alla squadra in più? «Possiamo migliorare tutti e dobbiamo farlo, attraverso il lavoro giornaliero in palestra». La settimana scorsa si è parlato di mercato; lei pensa che questa squadra vada ritoccata? «Credo proprio di no, almeno per il momento. E’ importante tenersi sempre pronti, ma non lo ritengo necessario ad oggi. Credo in questa squadra ed in estate l’ho costruita così, ed ho fiducia in tutti i suoi componenti. E voglio spendere anche due parole per elogiare Max Rizzo. Non è buonismo, ma la professionalità con cui lavora e si mette a disposizione della squadra è davvero un esempio per tutti». Tornando al mercato, i nomi di Dimitri Lauwers e di Delonte Holland li ritiene appettibili? «No, non abbiamo bisogno di nessun innesto».

Domenica alle 21 al Palasegest arriva la Eldo Caserta, altra neopromossa dalla Legadue. I casertani saranno a Ferrara privi del deludente americano Butier, fuori rosa e ormai prossimo al taglio. Si giocherà in diretta su Sky Sport 2.La prevendita dei biglietti per Carife-Caserta avrà luogo sabato nella sede del Club in Corso Giovecca 40/D dalle 10 alle 12.30. Sono disponibili biglietti di tribuna numerata tribuna numerata blu e gradinata. Questa la classifica attuale in serie A: Siena 12, Treviso, Roma, Virtus Bo e Montegranaro 8, Milano, Avellino, Cantu’, Teramo e Pesare 6, Biella, Ferrara e Fortitudo Bo 4, Rieti, Udine e Caserta 2.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.