Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Continuano le prove in casa rossoblù. Il modulo rimane quello, il 3-5-1-1, anche se giustamente Ballardini vuole provare un po’ tutte le risorse a sua disposizione. Ecco, allora, che il tecnico oggi ha mantenuto invariato lo scheletro della squadra, cercando di capire se oltre al rientrante Perez potesse esserci qualche altro elemento da poter utilizzare in caso di bisogno. Tenendo conto che neppure oggi Krhin si è allenato con i compagni, quindi, pur continuando il Bologna a dire che si tratta di roba di poco conto, oramai lo si può dare per assente domenica con il Parma. Ecco dunque entrare nella mischia Erik Friberg, lo svedese al quale sono state concesse poche possibilità, durante le quali non si sono mai avute risposte precise, nel senso che sono state prestazioni senza infamia e senza lode, come, comunque in questa stagione è capitato a molti dei suoi compagni. Ultimo centrocampista del quale ancora non si è compresa esattamente la qualità è certamente Ibson. I suoi ingressi a partita iniziata sono stati, al contrario di quelli dello svedese, piuttosto convincenti, ma quando è stato chiamato a partire dall’inizio è stato impalpabile. E’ vero che è arrivato come emerito sconosciuto ma dopo oltre due mesi non essere riusciti a capirne ancora il ruolo esatto, così come l’eventuale utilità in squadra non è molto positivo. Le risposte possono essere due, o il giocatore non lo ha fatto ancora comprendere, oppure l’allenatore e tutto lo staff non lo ha compreso. Inutile provare ad approfondire l’argomento, basta guardare il risultato, sembra solo una comparsa.
Dunque a tre giorni dall’incontro con il Parma Ballardini sembra voler dare certezze ai suoi, ovvero puntare tutto sul modulo che gli ha dato più punti, nello stesso momento non chiudere la porta a nessuno della rosa come sembrava nei giorni scorsi. Diciamo un comportamento di prudente coinvolgimento di tutta la rosa.
Per quanto riguarda l’incontro di domenica alle 12.30 il Parma oltre allo squalificato Parolo, deve verificare le condizioni di Cassano e Garagano. Comunque Donadoni ha pronto per l’attacco il trio Schelotto, Amauri, Biabiany.
Per quanto riguarda il tema societario il braccio destro di Guaraldi, Giampaolo Rimondi ha voluto dare alcune precisazioni rispetto alle discussioni che si sono avute nei giorni scorsi sui quotidiani. Alcuni avrebbero accusato di conflitto di interesse in quanto sarebbe stato il figlio a fare una perizia sul valore dei terreni, cosa categoricamente smentita dall’interessato, che ha indicato come nelle previsioni economiche della società il nuovo Centro tecnico di Granarolo è previsto anche in caso di serie B, come luogo fondamentale dal quale ripartire per qualsiasi progetto che riguardi la società.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20140410.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.