Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo la sperimentazione avvenuta durante il secondo quadrimestre dello scorso anno scolastico, dal 14 febbraio è ripresa l’attività di “Alfabetizzazione motoria nella scuola primaria” con una significativa novità: l’allargamento dell’esperienza da Bologna – esperienza pilota nello scorso anno scolastico – ad ulteriori 19 plessi in tutte le province dell’Emilia-Romagna. Indubbiamente un successo per questa iniziativa di educazione motoria che vede coinvolti gli esperti del CONI al fianco degli insegnanti di classi e che a Bologna, nell’anno scolastico 2009/2010, ha fatto registrare risultati molto positivi. L’analisi dei monitoraggi predisposti in collaborazione con l’Università di Verona ha evidenziato sostanziali miglioramenti delle capacità motorie dei bambini coinvolti nel progetto, ed altrettanto buoni sono stati i riscontri da parte delle famiglie e degli operatori scolastici con percentuali di gradimento superiori al 90% degli intervistati. Oggi il progetto riparte grazie al rinnovo del Protocollo d’Intesa fra il Ministero dell’Istruzione e il CONI dell’11 novembre 2010, con il quale sono state individuate aree di futura collaborazione.Dopo la formazione a livello nazionale avvenuta a Verona, lo scorso 5 febbraio a Villa Pallavicini, a Bologna, si è svolta la formazione a carattere regionale sia per quanto riguarda l’aspetto teorico che quello pratico, momento che ha coinvolto oltre 130 esperti. Come accennato, per tutto il secondo quadrimestre diverse scuole di tutta la regione saranno interessate al progetto per due ore ogni settimana: 81 plessi a Bologna, 4 a Rimini, 3 a Ferrara, Modena, Ravenna e Reggio Emilia, mentre 2 saranno quelli di Forlì-Cesena e Piacenza.
Questi i numeri complessivi dell’iniziativa:

· 8 supervisori

· 79 esperti

· 101 plessi

· 769 classi

· 17.300 alunni

Sull’iniziativa il presidente del CONI William Reverberi ha sottolineato come “Il Progetto di Alfabetizzazione, che nasce a livello nazionale dall’accordo fra CONI e MIUR, può rappresentare per i nostri ragazzi una opportunità di crescita sana e consapevole e una occasione per riaffermare “ il ruolo educativo” della pratica sportiva”. Analogamente il dott. Stefano Versari, vicedirettore reggente dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, ha sottolineato “la qualità dell’intervento realizzato nelle istituzioni scolastiche che valorizza le competenze acquisite negli anni dai docenti e dalle scuole più attive in tutta la regione”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.