Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Settimana diversa per il Bologna. Domenica alle 12.30 appuntamento con il Cesena per un derby che potrà dire molto sulla serenità con la quale potrà proseguire il campionato o se la squadra viaggerà sempre sul filo della zona retrocessione. Partita di un ex come Arrigoni, che ha traghettato il Bologna in A per poi perdersi con un ritorno nella massima serie molto complicato.
La squadra fatica a lavorare con costanza vista l’assenza dei nazionali. I due uruguagi domani sera saranno impegnati proprio contro l’Italia, in un match che si preannuncia spettacolare, ma da mercoledì pomeriggio saranno già agli ordini di Pioli, che così avrà quattro giorni pieni per preparare anche tatticamente l’incontro con Mutu e compagni. Da Cesena ci si attende proprio la resurrezione del rumeno, che doveva essere il valore aggiunto della squadra, mentre si sta rivelando un peso di non facile soluzione. La prima di Arrigoni è stata una disfatta. Se non per il gioco, almeno per il risultato, proprio con il Lecce un’altra delle squadre in lotta per mantenere la A.
I rossoblù arrivano all’appuntamento dopo la sconfitta di Palermo, che sembra essere scivolata via come un’ineluttabile accadimento visto che da quattro anni non si raccoglie nulla e dunque è come se non fosse accaduta. Inoltre si recuperano tutti gli effettivi, con la speranza che gli impegni con le nazionali non lascino strascichi. Dal punto di vista tattico bisognerà capire come Pioli vorrà inserire il recuperato Diamanti, l’unico che a inizio stagione sembrava fare la differenza, ma ora, con l’esplosione di Ramirez, più doppione dell’uruguagio che risorsa. Probabile un ingresso soft, per uno spezzone, magari accanto al Nino o dietro a lui e a un’altra punta, per poi decidere di volta in volta a seconda dell’avversario o delle condizioni dei compagni il suo utilizzo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.