Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ridotto da quattro a tre giorni di rock a causa del diluvio di venerdì, il Rock in Idro bolognese è riuscito a sfondare ugualmente la barriera delle quarantamila presenze all’arena Joe Strummer del Parco Nord.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_rock_in_idro_20140603.mp4
E forte di questo successo la città si ricandida a ospitare il festival il prossimo anno. Principi indiscussi della manifestazione gli Iron Maiden – unica data italiana per la leggendaria band heavy metal britannica. Ma il festival si è mantenuto ad alti livelli con l’alternanza sul palco di gruppi di fama mondiale. Il venerdì cancellato causa pioggia sarebbe stato dedicato alla musica elettronica con i live set di Fatboy Slim. Sabato è stata la volta del punk rock con gli Ska-P, i Gogol Bordello, i Millencolin e i Pennywise. Domenica gli Iron Maiden sono stati preceduti sul palco dagli Alter Bridge e, tra gli altri, dai Black Stone Cherry. Ieri giornata indie con il trionfo dei Queens of The Stone Age che Bologna non vedeva dal 2008 e, tra gli altri, i Pixies.
“Bologna ha la possibilità di costruire manifestazioni di livello europeo come Rock in Idro – aveva detto l’assessore alla cultura Alberto Ronchi – dobbiamo superare la diffidenza, questa sarà un’anteprima succosa di un’estate molto ricca di musica”.

Categoria: Attualità
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.