Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

L’AGET ha ripreso il lavoro in palestra in vista del prossimo impegno casalingo contro Livorno. Un impegno che per l’Andrea Costa, a questo punto, suona già se non come decisivo, sicuramente di vitale importanza. Basta dare un’occhiata alla classifica attuale per notare come Imola sia passata dalla nona posizione che occupava dopo la vittoria contro Casale Monferrato, all’attuale ultimo posto, arrivato dopo cinque sconfitte consecutive. Sconfitte di Imola, ma non degli avversari nelle retrovie che hanno preso a marciare ad un ritmo davvero intenso, che ha fatto scivolare indietro Imola.
Come già scritto, non è la posizione di classifica in sé a preoccupare di più, visto che in un campionato così equilibrato può bastare una sola vittoria per dare uno scossone alla classifica. A preoccupare maggiormente è la mancanza di voglia di vincere e di lottare che sembra caratterizzare gli uomini di Massimo Bianchi. E così Imola è passata dall’essere la squadra lottatrice dei primi turni a quella fin troppo arrendevole vista ultimamente. Un problema più che altro mentale, che però la squadra deve superare al più presto, se non vuole perdere altri treni salvezza.
OK: Joe Bunn. Ancora una volta è sempre l’unico giocatore a salvare la faccia nelle tristi sconfitte imolesi. Ha ripetuto i 32 punti che già aveva realizzato la scorsa settimana, e ha provato da solo a resistere allo strapotere di Sassari. Ma sempre da solo non può farcela.
OK: Michele Ferri. Così come contro Scafati, anche a Sassari il capitano è stato l’unico tra gli italiani a non voler gettare la spugna. Ripartire dalla sua voglia di lottare sarà importante per poter ritornare a vedere l’Andrea Costa lottatrice di inizio campionato.
KO: Tutti gli altri. Il bomber Sorrentino ancora non è stato ritrovato; la grinta e l’intensità di Valentini latita; la presenza sotto canestro di Canavesi si è affievolita col passare delle giornate. Ma non è un problema solo degli italiani, visto che anche Fabi stenta nell’essere quel giocatore di esperienza che Imola tanto voleva, e anche Iversen si è fatto coinvolgere nell’andamento negativo generale. Resta Riley, autore sì di 20 punti, ma in gran parte ‘a babbo morto’.
Ieri, nella sede della Legadue, è stata sorteggiata Cremona, campo di gioco della Vanoli Soresina, come sede della Final Four di Coppa in programma il 28 febbraio e l’1 marzo.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.