Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Un buon campionato, i vari Diamanti i vari Ramirez che hanno fatto tanto esaltare il pubblico non sono bastati e non basteranno per far passare una serena estate al Bologna. Un po’ di tensione c’è ed è innegabile, nonostante il presidente Albano Guaraldi ieri abbia tenuto a precisare: “ Massima fiducia nella giustizia sportiva, che sta facendo il suo lavoro con puntualità, ma anche nei nostri confronti” Fiducia quindi si, ma altrettanto timore. Non a caso ieri il presidente durante da festa di Borgo Nuovo, si è intrattenuto a lungo con un ex dirigente rossoblu, Stefano Pedrelli. Al momento della famosa partita “incriminata” quest’ultimo era direttore generale . Tutti ricorderanno quella partita, quando il bologna si arrese alla tripletta di Francesco Grandolfo, congedandosi dal pubblico con un pesante e tanto chiacchierato 4-0 subito da un Bari già retrocesso. Il presidente a colloquio del tutto informale, anche se molto lungo con Pedrelli avrà cercato di capire qualcosa di più su quella famosa partita, perchè ne lui ne nessun altro dirigente del club del resto è coinvolto direttamente. Parlando chiaramente il reato che si può imputare al Bologna è omessa denuncia: il problema però è che in questo caso è una mancata denuncia collettiva dei calciatori e questo potrebbe essere un serio problema almeno per l’umore della squadra che tra un mese si ritroverà per la preparazione estiva. Da ricordare che al momento è indagato solo Daniele Portanova e che Palazzi non ha ancora fatto sapere il motivo della convocazione di tutti gli altri giocatori. Domani quindi a Roma, negli uffici del procuratore federale e dei suoi collaboratori cominceranno a sfilare tutti i volti coinvolti in quella partita del 22 maggio del 2011. Dopo Portanova, Gimenez e Gillet verranno ascoltati anche Viviano Di Vaio Mudinagyi Morleo Cherubin della Rocca e Paponi e tutti gli altri che finirono in distinta quel giorno. Tutto ancora in evoluzione quindi l’unica cosa certa è che prendere troppo sotto gamba questa situazione non è la strada migliore, bisogna aspettare di vedere e di capire realmente la motivazione che hanno spinto Palazzi a convocare tutti i rossoblu.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.