Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dunque la versione 3.0 di Dalibor Bagaric in Fortitudo ieri ha avuto ufficialmente inizio. Poco più di un anno fa Sacrati perfezionava una segretissima trattativa in quel di Bolzano durante l’amichevole contro il Cska, dandone l’annuncio nel dopo partita. Stavolta meno scalpore ha accompagnato il suo arrivo, anticipato dalle voci ufficiose dei giorni scorsi, e soprattutto da un contatto mantenuto sempre in piedi da Savic: “No, non abbiamo mai perso i contatti – conferma il centro croato – a Savic ho sempre detto di voler provare l’NBA, come giusto per ogni giocatore che miri al miglior livello possibile. Avevo un offerta qui a Bologna, ma prima ho cercato di andare di là. Mi sono reso conto che dopo tanti anni trascorsi in Europa, l’NBA non faceva più per me, ma soprattutto a 28 anni voglio essere protagonista sul campo”. Ora la sua nuova avventura in Fortitudo: “Questo è un buon gruppo che spero possa compattarsi in fretta. C’è tanta fisicità, un buon playmaker come Huertas, ed il talento di Woods. Gordon? Mi ha fatto una grande impressione”. In attesa di prendere una decisione su Barron, la Effe scommette su un giocatore la cui condizione fisica è sempre stata il tallone d’Achille: ”Penso di poter reggere venti minuti. Non sono al massimo della forma, ma ho lavorato tutta l’estate tra Nazionale e allenamenti individuali”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.