Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Contro la capolista Novara il Cesena ha dimostrato di avere le carte in regola per giocarsi le prime posizioni del campionato di Prima Divisione fino all’ultima giornata e magari, perché no, puntare alla promozione in B. A livello di qualità l’organico romagnolo non ha infatti nulla da invidiare alle concorrenti, Chiavarini Motta e Giaccherini, soltanto per citare tre giocatori del gruppo di mister Bisoli sono un lusso per la categoria, ma forse l’unico gradino ancora da salire per arrivare al pari delle avversarie ai primi posti della classifica, è quello di avere una mentalità battagliera dal primo all’ultimo minuto.
Non che il Cesena non lotti anzi, nelle ultime giornate sotto questo punto di vista sono stati fatti molti passi avanti, ma certo che vedere il Novara giocare come una provinciale, ovvero non avere paura di commettere fallo e di giocare pesante quando ce n’è bisogno, caratteristica mostrata specialmente nei minuti finali quando la stanchezza non ha permesso loro sortite offensive è un chiaro segnale che per puntare in alto non si deve mai mollare fino alla fine.
In definitiva però il Cesena visto domenica scorsa è piaciuto sotto tanti punti di vista e soprattutto ha ritrovato la vena di Motta sbloccatosi e finalmente ritornato il bomber che tutti conoscono.
Contro il Novara per l’ottava volta in stagione è stato subito gol da calcio da fermo, ovvero il rigore di Gallo, e questo è un ulteriore segnale che la squadra a livello difensivo concede pochissimo su azione, mentre sotto l’altro aspetto l’allenatore sta lavorando con sedute mirate proprio per correggere questo problema.
Proprio il rigore procurato è costata l’espulsione al portiere Ravaglia, che salterà la trasferta in casa dell’altra capolista Pro Patria del prossimo turno, ma anche in inferiorità numerica i romagnoli sono stati padroni del campo creando diverse occasioni da gol senza riuscire a concretizzarle..
Il lavoro di Bisoli sta quindi portando i frutti sperati e chissà che dopo aver fatto le prove generali con Padova e Novara, dove sono arrivate una sconfitta e un pareggio, in casa della Pro Patria nel terzo big match consecutivo non possano arrivare anche i tre punti.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.