Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Missione compiuta: la vetta è servita. Dopo una lunga rincorsa il Cesena è finalmente riuscito a raggiungere il primo posto della classifica, seppur in coabitazione con la Reggiana avversaria contro cui ha sempre perso, e decisivo è stato il ko della Pro Patria nel posticipo di lunedì. Inutile dire che in alto si respira un’aria migliore e soprattutto guardando dall’alto in basso le altre compagne di ventura non si può che essere fiduciosi guardando al futuro. In due giornate in cui i bomber Motta e Veronese hanno avuto le polveri bagnate, ci hanno pensato l’onnipresente Giaccherini e De Feudis a centrare il bottino grosso, ma ancora una volta a rubare la scena più che i singoli è stato il collettivo. Se ci sono squalificati o infortunati, infatti, per mister Bisoli non pare un problema, perché tutti quelli chiamati in causa si fanno trovare pronti. Un caso su tutti è quello di Djuric, entrato con Ravenna, Sambenedettese e Lecco mentre la squadra non si trovava in vantaggio, e capace di mettere sempre lo zampino in tutte le azioni da gol. Domenica prossima il Cesena ospiterà il Legnano, poi avrà due trasferte consecutive in casa di Pergocrema e Pro Sesto, prima di un trittico terribile con Padova, Novara e Pro Patria. Sei partite che possono valere la stagione.
Ottimismo e serenità si respira anche a Ravenna, arrivato ad un solo punto dai playoff. La squadra di Atzori sta dimostrando di aver trovato i giusti meccanismi da quando l’infermeria si è svuotata e anche domenica scorsa con il Lumezzane, i giallorossi hanno brillato. La difesa non ha subito gol per la terza gara consecutiva, il debuttante Roselli ha sostituito al meglio Sciaccaluga servendo l’assist a Curiale per il primo gol, e i tifosi hanno ricominciato ad incitare la formazione. Tutti ottimi segnali per la difficile trasferta in casa del Novara, primo importante crocevia stagionale. Riguardo all’attacco, poi, c’è chi sta iniziando a paragonare la coppia Zizzari – Curiale, già autrice di 14 reti, a quella composta da Chianese e Succi, non per niente quella che portò alla promozione in serie B due stagioni fa.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.