Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo molti anni durante i quali il nostro sodalizio ha operato allo scopo di migliorarsi senza soluzione di continuità, è giunto il fatidico giorno.
Il giorno del derby con la Spal 1907.
Molto tempo è passato dai fasti della Spal in un momento storico in cui il nostro sodalizio non era ancora nato ai giorni nostri.
La crescita della Giacomense negli ultimi dieci anni è stata imperiosa.
Dopo tanti sacrifici siamo così giunti al primo confronto ufficiale con un avversario che abbiamo a lungo sognato di affrontare in una partita ufficiale.
Oggi c’è in palio il primato nel girone di Coppa Italia.
Con due vittorie all’attivo, la Spal ha due punti di vantaggio nei nostri confronti a due giornate dal termine del girone (sia la Giacomense sia la Spal hanno già sostenuto il turno di riposo).

Fra le nostra fila, mister Benuzzi potrà contare su tutti gli effettivi, ad eccezione di Giorgi.

“Oggi – commenta il presidente Walter Mattioli (nella foto mentre festeggia la promozione assieme alla squadra negli spogliatoi di Cesenatico) – sarà un giorno che entrerà nella storia della A.C. Giacomense s.r.l.. Solo pochi anni or sono, il nostro sodalizio calcava i campi della Terza Categoria. Dalla Terza Categoria al professionismo. Potrebbe essere il titolo di una novella. Tutto questo è invece realtà. Vorrei fare un sunto della nostra storia per dare seguito alle numerose richieste di informazioni giunte in queste settimane da parte di mass media nazionali. Correva l’anno 1967. La Giacomense nasce come squadra di paese. La squadra di Masi S. Giacomo, una piccola località alle porte di Ferrara. Una formazione di amici ed appassionati sportivi. Il primo storico presidente è Tino Droghetti. La fase iniziale della storia della Giacomense vede gli allora bianconeri impegnati nel campionato di terza categoria. Con il passare degli anni la struttura amatoriale dell’associazione assume una veste professionale. Cambia anche la casacca. Prima rossa con una riga bianca sul girocollo e sull’orlo delle maniche. Poi grigiorossa a righe verticali. La svolta avviene durante la stagione 1989/90. Nasce la nuova Giacomense. Presidente è Emanuele Ardizzoni. Direttore sportivo il sottoscritto. Durante la campagna acquisti estiva l’organico a disposizione del tecnico Ivano Saletti viene notevolmente rafforzato. La promozione in seconda categoria avviene al termine della stagione successiva, sotto la regia del sottoscritto, divenuto nel frattempo presidente. I giocatori guidati dall’allenatore Max Malagolini si rendono autori di una trionfale cavalcata senza mai subire l’onta della sconfitta. La Giacomense è ormai una società proiettata verso altri lidi. La prima stagione nel campionato di seconda categoria è un successo: la squadra vince il campionato impressionando addetti ai lavori ed organi di informazione. La vittoria del campionato di prima categoria giunge nella stagione 1997/98. E’ l’ennesima Giacomense dei record. La squadra guidata da Massimo Stecchi non si limita a surclassare gli avversari. Li annienta. Dopo le prime diciannove gare, la pratica promozione è già conclusa: con diciassette vittorie e due pareggi i grigiorossi hanno nei primi giorni di febbraio già dodici punti di vantaggio sulla seconda della classe e diciannove sulla terza. Da qui alla conclusione della stagione la Giacomense continua a vincere a ripetizione. Il primo anno in promozione termina con l’ottenimento dell’ottavo posto. Nella stagione successiva i grigiorossi giungono sesti. Poi Quarti. Nella stagione 2001/02 arriva il salto in eccellenza sotto la guida di mister Paolo Innocenti. Dopo aver terminato il campionato al secondo posto, la Giacomense vince lo spareggio con il Dovadola sul campo neutro di Alfonsine. Le reti di Toselli e Manfrini proiettano la Giacomense nel calcio dilettantistico che conta. La prima stagione in eccellenza è assai sfortunata. Alcuni incredibili exploit delle dirette concorrenti nella lotta finale per non retrocedere rendono assai difficile il nostro cammino. Dopo una prima parte di stagione travagliata, i grigiorossi si giocano la permanenza in categoria nello spareggio con l’Ozzanese. L’amara ed immeritata retrocessione costringe la Giacomense a ripartire dal campionato di promozione. Obiettivi ridimensionati? Non proprio. Vogliamo fortemente il ritorno immediato in eccellenza. La discesa in Promozione non è traumatica: nelle prime cinque giornate, i grigiorossi ottengono quindici punti. Il campionato pare in discesa, ma vi è un avversario, il Comacchio Lidi, che si rivelerà un contendente di grande valore. Alla fine la spunterà la Giacomense con una lunghezza sui rivali. I grigiorossi ritornano così in Eccellenza con il chiaro intento di recitare un ruolo da protagonisti. La stagione 2004/05 si conclude con un prestigioso trofeo in bacheca, la Coppa Italia di categoria. In campionato, il cammino è contraddistinto da alti e bassi. Alla fine la squadra otterrà una onorevole posizione di metà classifica. La stagione 2005/06 è entusiasmante: la Giacomense si insedia al vertice sin dal termine della prima giornata. Rimarrà prima per tutta la stagione, ottenendo il pass per la serie D con quattro giornate di anticipo, alla luce dei quattordici punti di vantaggio sulle dirette concorrenti. Anche la juniores, nel frattempo, continua a sbaragliare la concorrenza. In otto stagioni, i baby grigiorossi si aggiudicano ben quattro titoli regionali. Oltre ad imporsi in numerosi tornei di respiro anche nazionale. Ottimo l’esordio nell’ostico campionato di serie D: rimaniamo a lungo in lotta per la promozione in Serie C2, battagliando ad armi pari con Castellarano, Carpi, Chioggia e Rodengo Saiano. Sarà quest’ultima a vincere, mentre la Giacomense prenderà parte ai playoff, sfiorando il passaggio del primo turno a scapito del Castellarano. Anche la juniores riesce a farsi onore nel campionato nazionale, insediandosi nelle posizioni di vertice sin dalle prime giornate. Il resto è storia recente: la vittoria del campionato di serie D. Non solo, durante la scorsa estate abbiamo allargato il settore giovanile allestendo sei formazioni. Per tutte le informazioni del caso, potrete visionare il web site www.giovaniligiacomense.com La realizzazione di questi due portali rientra nella strategia a lungo termine che la Giacomense si è data vari anni addietro, una strategia che tende a rendere la nostra organizzazione una struttura modernamente flessibile. Una struttura pronta ad adeguarsi ai cambiamenti in corso nel mondo del calcio e degli affari. Una struttura aperta ad apprendere apprendendo. Questi portali rappresentano il biglietto da visita digitale di una società che è molto progredita in questi anni grazie ad una seria programmazione ed all’oneroso quanto fondamentale impegno di tutti coloro i quali hanno legato il loro nome al marchio Giacomense”.

La strategia di lungo termine del sodalizio grigiorosso
“La A.C. Giacomense – prosegue il presidente Walter Mattioli – ha perseguito una strategia tout court di promozione dell’immagine delle proprie formazioni, degli atleti e della stessa entità societaria, affermandosi come fenomeno mediatico in campo giornalistico, televisivo e radiofonico e come veicolo e testimonial pubblicitario. Nel corso degli ultimi anni, la società ha sviluppato, accanto all’attività agonistica tradizionale, un’incisiva opera di valorizzazione del marchio societario, divenuto un brand piuttosto noto e rinomato, trasformandosi da società sportiva a media company. Nel panorama sportivo il nome stesso di Giacomense evoca l’idea di successo e professionalità. La A.C. Giacomense è oggi una vera e propria media company, pronta a far parte a pieno titolo della più grande industria dell’intrattenimento, coerentemente alla propria strategia di sviluppo, ed a cogliere le opportunità di crescita che derivano dalle nuove tecnologie. Divenire sponsor della A.C. Giacomense significa regalare una sicura visibilità alla propria intrapresa. Con un’attenzione a dir poco privilegiata da parte dei media locali e con un bacino di pubblico di tutto rispetto, l’investimento pubblicitario diviene un’occasione da ponderare sia da parte delle imprese locali sia da parte di realtà ottimamente sviluppate. Vetroresina s.p.a., leader mondiale nella produzione di laminati in vetroresina, ha già scelto da anni la Giacomense come veicolo pubblicitario nel mondo calcistico”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.