Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_sterlino_20140312.mp4

In questi anni, purtroppo, lo abbiamo detto tante volte. Sembra, però, che davvero, ci si avvicini alla conclusione della vicenda della piscina dello Sterlino. Il Comune di Bologna acquisterà lo Sterlino con l’obiettivo di restituire il centro sportivo ai bolognesi. La decisione sulla quale da mesi stava lavorando l’assessore Luca Rizzo Nervo, è stata licenziata ieri nella riunione della giunta comunale a Palazzo d’Accursio. Si attende chiarezza sulle cifre dell’operazione e notizie sul piano di rilancio del centro sportivo che nelle ultime due stagioni è stato gestito dal Cusb, che per acquistare dal CONI la struttura ha fatto un investimenti di ben 4 milioni con il Credito Sportivo. L’assessore comunale ha fatto capire però che tra quanto il Comune doveva pagare per garantire che le corsie della piscina rimanessero a disposizione della comunità, ovvero poco meno di 500 mila euro annui e il costo complessivo per rilevare la struttura la differenza non era altissimo. Ciò che aveva impedito fino ad ora l’acquisto del Comune era il vincolo del patto si stabilità, che impediva investimenti di questo tipo. Anche perchè avrebbe bisogno di un intervento di restyling molto impegnativo visto che il Comune da tempo non era in grado di investire sul miglioramento della struttura e il poco che è stato fatto lo ha fatto la gestione precedente, la quale, non essendo proprietaria della struttura non aveva ne l’autorità, né l’onere per compiere lavori di manutenzione straordinaria. Nonostante questo lo Sterlino resta uno dei fiori all’occhiello dell’impiantistica sportiva bolognese perché contiene una piscina olimpionica estiva ed invernale, una piscina per bambini, una piscina coperta per attività agonistica, due palestre per la ginnastica artistica, aree verdi e un bar. Appena chiuso il capitolo Sterlino si spera possa riaprirsi quello dello Stadio: i lavori dovrebbero finire entro il 5 giugno del 2015 anche se quell’estate difficilmente potrà essere aperta al pubblico a causa della necessità di collaudi.

Categoria: Nuoto, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.