Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Come avevamo anticipato venerdì scorso, da sabato il Comune ha pubblicato sull’albo pretorio la delibera firmata dal Commissaria Anna Maria Cancellieri con la quale viene decretata l’avvenuta risoluzione automatica della Convenzione tra Comune e Fortitudo srl. Questo comporta “la
riconsegna sollecita dell’impianto con le sue pertinenze”. Secondo il Comune, del resto, “sussistono seri pericoli per il mantenimento della normale funzionalita’ del Paladozza a causa di inadempienze di Fortitudo pallacanestro”. Palazzo D’Accursio
provvedera’ poi a consegnare il palazzetto dello sport nelle mani della Pallacanestro Budrio-Conad Sg Fortitudo, che “proseguira’ nell’esercizio della concessione di gestione e uso del Paladozza con il compito di gestire l’impianto sportivo”. Nessuna
conseguenza invece per gli altri due soggetti che facevano parte, insieme alla Fortitudo, dell’associazione temporanea d’impresa titolare della convenzione, ovvero Melegari e Ragni costruzioni. Allo stesso tempo il commissario ha deciso di “subordinare la permanenza nella concessione dopo il 30 giugno 2011 all’iscrizione della squadra di pallacanestro”, nata dalla fusione tra Sg Fortitudo e Pallacanestro Budrio, “al campionato di LegaDue-serie A2, riservandosi in caso negativo le conseguenti procedure per la successiva gestione e uso dell’impianto
sportivo”. I termini della convenzione restano quelli in vigore, “con particolare riguardo al diritto delle altre squadre all’utilizzo” del palazzetto, secondo una
“programmazione concordata”, e all'”adozione di modalita’ trasparenti di svolgimento delle attivita’ nel Paladozza”, fermo restando “i diritti dei terzi utilizzatori dell’immobile, sia per quanto riguarda attivita’ commerciali e terziarie in atto o gia’
programmate, sia per quanto riguarda la conclusione dei campionati in corso da parte di tutte le squadre che utilizzano il Paladozza”. Proprio sull’uso scorretto di piazza Azzarita da parte di Sacrati, il Comune fonda le basi dello sfratto. La “F” scudata si e’ resa “inadempiente” rispetto ai termini della convenzione, soprattutto perche’ ha usato il Paladozza piu’ per scopi commerciali e speculativi che sportivi, circostanza
confermata anche dal Coni nella sua istruttoria del 4 marzo 2011. A otto giorno dalla prima udienza di fallimento della Fortitudo per evitare lo sfratto Sacrati ha depositato in Procura un esposto urgente ora sul tavolo del PM Valter Giovannini e per il quale è stato aperto un fascicolo accettato un incontro per ridiscutere la convenzione, ma nessuno sa perché non se ne fece più nulla.senza ipotesi di reato nel quale si ricorda tutta la lunga vicenda e viene allegato un appunto ritrovato in uno scatolone nel quale si attesta che un dirigente del Comune nel 2004 avrebbe

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.