Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display


rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/bologna_sera_20130227.mp4
La vittoria del Bologna sulla Fiorentina è di quelle da ricordare. Senza voler scomodare paragoni come quelli tra Davide e Golia, è apparso a tutti che la qualità tecnica dei viola è altissima e il gioco che Montella ha dato alla sua squadra è davvero divertente. Per fortuna ogni tanto si specchia in se stessa e perde di concretezza. E qui è uscito il Bologna, capace di contenere gli avversari nei loro momenti migliori e di attaccarli quando, dopo un“ora il fiato non ha più retto. Pioli ha utilizzato al meglio alcuni cambi obbligati come il lieve infortunio a Perez che è arischio per domenica con il cagliari e la febbre di Motta, per mettere forze fresche e così attaccare la Fiorentina che piano piano rallentava il ritmo forsennato dell‘inizio. Inoltre, il Bologna, pur difendendosi nel primo tempo ha avuto le occasioni migliori, con un palo di Gabbiadini in apertura e buoni contropiedi, al 34° e 39° che Gilardino non è riuscito a concretizzare. Nel frattempo, perà, i viola con una splendida azione che ha tagliato tutto il campo da destra a sinistra, erano andati in vantaggio, al 29° con Liaijc, che ha chiuso sul primo palo un bel contropiede. Nella ripresa è entrato un altro Bologna, che al 12°, su una magistrale punizione di Diamanti, ha trovato il pareggio con un bel colpo di testa di Motta, fino a quel momento imbarazzante in quasi tutte le azioni, sia difensive che propositive.

Passano cinque minuti e sempre su punizione è Cherubin che manca la girata vincente, passando il pallone a Viviano, ma la squadra di Pioli capisce che è il momento di pigiare sull‘acceleratore e Pioli al 23° fa esordire il greco Cristodoulopouolos, che si piazza dietro a Gilardino, mandando Diamanti sulla sinistra. E“ il cambio vincente: al 30“ Taider dal limite mette il pallone a lato di poco, al 37“ in spaccata dopo una splendida azione Cristodoulopoulos mette alto, ma due minuti più tardi lo stesso greco fa partire un bolide di prima intenzione sul primo palo che non lascia scampo a Viviano. La festa al Dall‘Ara comincia. Montella inserisce per disperazione al 41 Toni e al 43“ Larrondo e proprio all‘ultimo secondo del recupero Toni, di testa, lasciato incredibilmente solo, spreca la più facile delle occasioni. Ora il Bologna con otto punti di vantaggio sulla terzultima puà sfruttare domenica con il Cagliari un“altra occasione per continuare a costruire la propria salvezza tra le mura amiche del Dall‘Ara.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.