Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20150525.mp4

Il Bologna sta cercando nei lunghi allenamenti a Casteldebole di raccogliere le poche energie rimaste per arrivare nella miglior condizione possibile ai play off di venerdì. Domani sera, intanto, c’è attesa per conoscere l’avversaria dei rossoblù, che uscirà del match tra Spezia e Avellino, due squadre tra loro molto diverse, ma per i rossoblù praticamente uguali dal punto di vista della qualità messa in campo. Il Bologna parte favorito, ma questo breve torneo di appena due settimane riserva spesso sorprese. Sul forum dei tifosi c’è un simpatico sondaggio con alcune centinaia di risposte. Vince nettamente, con il 70% la preferenza per l’Avellino anche con motivazioni tecniche interessanti. Ad esempio si indica lo Spezia “squadra con più qualità, veloce, con il capocannoniere del torneo. Sicuramente in un periodo di grande forma. A mio parere però un po leggera, e che cerca sempre di attaccare lasciando spazio agli avversari”. Altri, invece, vedono l’”Avellino come squadre più rognosa e il Partenio campo infuocato”. Altri fanno notare come l’Avellino a Spezia abbia già vinto, e se per qualcuno l’Avellino è “l’Atletico Madrid dei poveracci”, con lo Spezia “ce la si può giocare a viso aperto”. Altri fanno notare che l’Avellino ha segnato solo 42 reti contro le 59 dello Spezia e dunque bastando ai rossoblù due pareggi è chiaro che è preferibile una squadra che non abbia troppi gol addosso. Per altri ancora, il Bologna non deve temere nessuno dei due, ma “Guardarsi dentro e vincere le proprie paure, la vera sfida è lì”, che è poi quello che ha detto lo stesso mister rossoblù venerdì sera dopo l’incontro con il Lanciano. Che è stata sì una vittoria, ma una partita che non può essere presa di riferimento perchè contro una formazione senza vere motivazioni. Fin da ieri, invece, Rossi ha parlato a lungo con i suoi, perchè in questo mini torneo è soprattutto la testa che deve essere collegata alle gambe, visto che la stanchezza c’è per tutte e lo sarà ancora di più per chi gioca domani sera.

Momenti tristi per la famiglia di Mathias Abero. Il calciatore uruguaiano ha infatti nelle ultime ore perso il papà Sergio nel suo paese natale in Uruguay. Il papà del calciatore lavorava in un supermercato ed è rimasto vittima di una rapina ad opera di tre ragazzi tra i 17 e i 25 anni che lo hanno colpito violentemente alla testa. Sergio Abero è stato ricoverato in terapia intensiva ma non ce l’ha fatta. Anche il Bologna si è stretto attorno al calciatore. Le più sentite condoglianze alla famiglia Abero da parte di tutta la nostra redazione

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.