Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Maurizio Setti è stato piuttosto deciso. Il discorso Bagni è chiuso e non c’è la possibilità di tornare sulla cosa. Evidentemente le motivazioni che vanno al di là di quella ufficiale sono tali da non dare nessuna possibilità per un rientro. E questo nonostante la sollevazione di gran parte del tifo rossoblù, con qualcuno che addirittura ha chiesto come poter aver indietro l’abbonamento. Non credendo al fatto che i dirigenti siano completamente impazziti, interrompendo il rapporto con chi gli ha portato tre giovani talenti come Stojanovic, Taider e l’ultimo gioiellino Radakovic (anche se il suo arrivo sembra in stand by) praticamente a costo zero, dando un presente di qualità alla Primavera e si spera un futuro di talento alla prima squadra, è chiaro che se la motivazione vera non è stata indicata è perché l’intera società non ne avrebbe vantaggio. E lo stare mezza giornata con la squadra, come ha voluto far sapere il presidente Guaraldi non è certo sembrata la soluzione più opportuna.
Chiuso un capitolo si apre quello del campionato, che è già alle porte visto che dopo l’elaborazione dei calendari di ieri sera, al Bologna è capitato già il primo posticipo e dunque la prima allo stadio Dall’Ara contro la Roma a Stelle e strisce sarà domenica 28 agosto alle 20.45.
Il Bologna giocherà senza Ramirez e Crespo squalificati e con Garics non completamente a posto dopo l’intervento al ginocchio e dunque dovrebbe essere Casarini, se non sarà ceduto al Chievo per Bentivoglio, a giocare sulla fascia destra, mentre al posto del giovane fantasista uruguagio potrebbe esserci Diamanti, la cui trattativa non solo è ripartita ma sta procedendo verso quello che era l’obiettivo del Bologna, ovvero ottenerlo in prestito con diritto di riscatto. Finora Corioni ha abbassato la richiesta dai 2,5 milioni per la metà a 1,5 milioni, ma è chiaro che in serie B un contratto da 700.000 euro a stagione non è proponibile e dunque più passa il tempo più il Bologna è vicino al giocatore. Per i due ruoli mancanti, quelli del difensore e del centrocampista i nomi sulla tavola rimangono quelli di Sorensen della Juve e l’eventuale ritorno di Moras, mentre da brividi lo scambio Felipe-Cherubin, anche perché poi il problema di un altro difensore si riproporrebbe. A centrocampo Almiron sarebbe sicuramente un innesto di qualità in un reparto molto muscolare ma dove una mente pensante sarebbe molto utile.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.