Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Bologna ha chiesto a Corioni di non chiamare in ritiro Caracciolo e Diamanti. Ergo non tireranno al presidente del Brescia un clamoroso pacco e da domani o al più tardi tra qualche giorno saranno giocatori rossoblù. Bisogna capire se oltre ai due attaccanti arriveranno dal Napoli per Britos 10 milioni in contanti o nove più Aronica, anche perchè Sosa, con Diamanti e Ramirez non avrebbe più senso.
Rimangono in piedi alcune pedine importanti, dalla difesa per cui sono in corsa Heinze e un ritorno di Matteo Rubin ad un centrocampista, specie se andrà via Mudingayi, che per anni è stato il fulcro del gioco del Bologna. Troppo facile fare il nome dell’americano Bradleydi o di Munari, confermati da Setti, specie se si concretizzerà il passaggio di Gimenez alla corte di Pioli a Palermo. Da lì potrebbe arrivare anche un altro difensore, con Goian come nome di riferimento, mentre Bovo è il desiderio.
Comunque entro domenica prossima la squadra sarà pronta al 90%. L’addio di Britos è stato un volano importante, grazie al quale un po’ tutto il mercato rossoblù ha potuto muoversi, dando una scossa che non tutti sono riusciti ad avere visto che le le squadre che concorrono con i rossoblù alla salvezza non hanno certamente fatto molti passi in avanti, se non il Cesena che con Mutu, Eder e Comotto e forse Guana e Candreva, può considerarsi un po’ la squadra che tra le piccole meglio ha agito sul mercato.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.