Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo una partita come quella di ieri sera la cosa migliore è voltare pagina e ricordare soltanto gli errori, per cercare di non ripeterli più. Sì perchè il secondo gol preso dal Bologna è una fotocopia di quanto già accaduto con la Fiorentina con il gol di Cerci, con il Lecce con Grossmuller, con Di Natale a Udine ed infine Lulic ieri. Il Bologna che rientra in campo dagli spogliatoi sembra una squadra che ha preso una camomilla al posto del thè caldo, molle in difesa e indecisa in avanti. Sembra aver perso la concentrazione con la quale inizia le partite e mette seriamente a rischio risultati che cominciano ad essere deficitari. E’ vero, fino ad ora il Bologna ha giocato con tutte le prime della classe, con l’Inter e con la Fiorentina, e se non avesse mancato completamente la prestazione con il Lecce anche la classifica non sarebbe così povera, ma da mercoledì non ci sono più alibi. A Verona, con un Chievo tranquillo con 9 punti, bisogna puntare all’intera posta, così come il successivo impegno con l’Atalanta e dopo la trasferta di Palermo, contro Cesena Cagliari e Siena.
Il passo indietro fatto dalla squadra dopo la vittoria di Novara è evidente, così come lo spessore degli avversari, ma i problemi avvertiti ad inizio campionato rimangono irrisolti: in primis le punte che non segnano e la difesa che è tornata a prendere due gol ad incontro. Inoltre se il primo tempo ha offerto una squadra che per recuperare l’autogol subito da Cherubin ha dato il meglio di sé agendo bene sulle fasce, anche se le occasioni da rete sono venute soprattutto sul calcio piazzato, nella ripresa, si è spenta la luce di Ramirez, autore di un grande primo tempo e la squadra, nonostante le quattro punte in campo, non è stata capace di creare sostanziali pericoli verso una squadra, che forse stanca anche dalle fatiche di coppa, ha pensato soprattutto a nascondere il pallone. Si ripropone la problematica di un Di Vaio abulico, di un Acquafresca evanescente e pure quello di un Ramirez che fa intravvedere colpi da fuoriclasse ma troppo individualista nei momenti topici.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.