Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Certo la sconfitta di sabato era assolutamente prevista ma il punto mancato con l’Inter nonostante la bella prestazione rende il fondo della classifcia sempre più corto. Il Bologna è stato raggiunto dal Torino al quartultimo posto, ma il Lecce è staccato di una sola lunghezza, con il Chievo a tre e la Reggina a sei. Dunque tutto è ancora in ballo, compresa la possibilità che pure il Siena, dopo un’andata alla grande, possa essere risucchiato, visto che ha solo quattro lunghezze di vantaggio sul Bologna, domenica ospita la rivelazione Genoa e quindi va a Catania. Il problema è che con la media punti assunta da Mihajlovic la squadra finirebbe a 38 punti. Che potrebbero anche bastare se le concorrenti continuassero ad andare di questo passo. Ma è normale che con la primavera e magari con squadre senza più obiettivi, come saranno tra un mesetto quelle di centro classifica, la media punta debba cominciare a salire. Anche perché i rossoblù avranno un mese di maggio particolare con le quattro sfide salvezza tutte di fila dal 3 al 24 maggio, con una sorta di partita jolly, l’ultima casalinga con il Catania, che si presume salvo e senza stimoli. Certo, questo inizio di ritorno si sapeva che sarebbe stato duro contro le corazzate del torneo, ma probabilmente si sperava in qualche pareggio in più. Invece la difesa del Bologna è l’ultima del campionato dopo quella della Reggina nonostante si sia trovato un buon giocatore come Britos, da far crescere anche in prospettiva futura, e le prestazioni della squadra stanno crescendo continuamente.
Dunque si guarda a sabato per il nuovo anticipo alle 18 con la Lazio, corsara ieri a Lecce, ma con un Bologna formato biancoazzurro visto che Mudingayi, Mutarelli, Belleri, Cesar ma pure Di Vaio e soprattutto Mihajlovic, sono ex e dunque conoscono bene l’ambiente. Serve l’ennesimo acuto esterno, visto che quest’anno per i rossoblù il Dall’Ara è un tabù. La lazio ha ieri giocato senza il tridente, ma Rossi potrebbe riprovare in casa Rocchi, Pandev e Zarate, un grande trio ma che concede spazi a centrocampo e in difesa. Al Bologna mancherà Moras squalificato, ma tornerà capitan terzi, con tanta voglia di riprendersi il posto da titolare dopo che nelle ultime prestazioni ha visto le partite accomodato in panchina.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.