Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Alla dodicesima giornata il Bologna deve cominciare a fare sul serio. E dopo il brodino con la Roma, più un segnale psicologico, che un punticino utile per la classifica, a Siena si cercano risposte vere, cioè sostanzialmente tornare a fare punti. Non sarà facile perché la squadra toscana ha collezionato sul proprio terreno 11 dei 12 punti in classifica, ed è riuscita a battere la Fiorentina in un derby molto sentito e la Roma. Allora l’attenzione dei rossoblù soprattutto in difesa dovrà essere massima, mettendo per tutti i 90 minuti quella grinta e determinazione che Mihajlovic sta trasmettendo dal primo giorno in cui è a Bologna.
E per quanto irguarda la formazione non dovrebbe discostarsi da quella che ha giocato con la Roma eccetto il rientro in squadra di Volpi, anche se il rientro in gruppo di Castellini e Bombardini dà ulteriori certezze e possibilità almeno per quanto riguarda la partita successiva con il Palermo. Dunque ancora un 4-5-1, almeno in fase di partenza. Poi è chiaro che durante l’incontro è possibile che abbia un po’ più di spazio Coelho, così come Marazzina o Bernacci, mentre l’alternativa a Marchini potrebbe essere Mingazzini che con la maschera può comunque essere considerato come recuperato.
Dall’altra parte il Siena di Giampaolo gioca in maniera piuttosto spregiudicata con Kharja dietro a due punte, probabilmente Maccarone e Frick o Calaiò, ma con gente come Vergassola, Galloppa o Codrea pronti a dare una mano agli attaccanti in fase offensiva.
Per rispondere a questa forza d’urto Mihajlovic replica con un centrocampo folto con due mastiuni come Marchini e Mudingayi, ma pure un giocatore di equilibrio e dal piede vellutato come Adailton dietro all’unica certezza rossoblù, quel Di Vaio che con i suoi gol sta mantenendo nel Bologna alte le speranze di una salvezza non poi così lontana

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.