Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

I giocatori avevano promesso impegno e determinazione dopo una settimana in cui le preoccupazioni sono state tante. E il poker subito dal Napoli può avere alibi psicologici, ma certo, alcuni errori individuali e di squadra bisogna comunque indicarli come negativi. Per fortuna i risultati delle altre pericolanti tengono a galla i rossoblù. venendo alla partita del San Paolo se Garics fa colpire Maggio di testa dopo 2 minuti, se Britos fa inutili spaccate nel secondo gol e si dimentica di Hamsik nel quarto, ogni discorso diventa inutile. Inoltre due dati fanno capire perché il Bologna è uscito pesantemente sconfitto dal san Paolo: nove tiri a zero verso la porta dopo i primi 45 minuti ma soprattutto 15 falli fatti dal Napoli contro i 3 del Bologna dopo trequarti di incontro. Vuole dire approccio troppo soft e ricerca di un palleggio troppo lezioso rispetto ad un Napoli che in ogni azione ricerca la conclusione e la porta.
Nella ripresa Malesani si ricorda che in trasferta aveva fatto molto bene un certo Siligardi, troppo spesso lasciato addirittura in tribuna. Peccato per il 3-0 arrivato ad inizio ripresa perché la squadra ha cambiato ritmo, ma oramai il risultato era assodato. Diversi i tiri dello stesso Siligardi, gli errori di testa di Della Rocca, per lui la terza prestazione convincente su tre, e di Portanova. Fino al bel gol, sempre di testa di Meggiorini, il primo in casa rossoblù. Peccato per la distrazione sulla quarta rete, perché la partita, anche solo virtualmente, si era riaperta. Giornata nera per tutta la difesa, nella quale anche Garics si è tolto il dente di siglare un autogol come già fatto da tutti gli altri compagni di reparto, di Viviano, disattento in alcune circostanze, ma pure pacchiani interventi di Britos e Rubin. A centrocampo i tre ragazzi ci provano, se Della Rocca fa benino ed Ekdal si salva, Krhin probabilmente è troppo scolastico. In avanti Di Vaio ha trovato una serata davvero storta, così come Gimenez. Meglio i subentrati Siligardi e Meggiorini. “Brava la squadra – ha detto Malesani – I tre gol di scarto sono troppi. La squadra la conoscono e anche senza gli errori societari gli errori in difesa li facciamo. In cas, forse, il nostro pubblico ci scalda. Non è come Palermo, siamo ingenui, poi anche in avanti dobbiamo fare meglio. Però in generale, gioco c’è stato, buoni meccanismi ma ci lasciamo fare gol con troppa facilità. Noi non abbiamo dato segnali di resa. Guardando la classifica anche se ci penalizzano siamo sempre lì. Speriamo che le cose possano proseguire, c’è un bel progetto, ma dobbiamo migliorare questi dettagli, queste incredibili ingenuità”. Anche il capitano Ha parlato, dicendo che Porcedda ha chiesto un’altra settimana per il pagamento degli stipnedi, poi si vedrà

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.