Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Presidente Alfredo Cazzola ha annunciato oggi a Sestola di aver ceduto le sue quote della società a Renzo Menarini.
“Ho da dare una buona notizia che riguarda la nostra società e la squadra della nostra città: la società Aktiva conserva il controllo del cento per cento del Bologna, avendo deciso di togliere dal mercato in maniera definitiva l’ipotesi di vendere a terzi la società. Contemporaneamente, ho il grande piacere di comunicare che in queste ultime giornate ho raggiunto un accordo con il mio socio, geometra Renzo Menarini, per cedere alla sua società, la Cogei, la quota in mio possesso, vale a dire il 63 per cento di Aktiva. Mi fa molto piacere dare questo annuncio in quanto corrisponde a ciò che ho sempre auspicato negli ultimi mesi: era noto che, avendo portato la squadra dalla B alla A, avevo deciso di trovare le condizioni per uscire dal controllo del Bologna Fc 1909. Non sto adesso a ricordare ciò è successo negli ultimi mesi: diciamo però che quanto è avvenuto oggi è quanto di meglio potesse capitare perché il Bologna Fc rimane alla società che già ne deteneva il controllo. La proprietà del Bologna sarà saldamente in mano alla famiglia Menarini, famiglia di imprenditori che è parte importante della nostra città. Il passaggio delle azioni avverrà il 30 settembre: fino a quella data manterrò il ruolo di azionista e Presidente, ma gli impegni sottoscritti sono stati da parte mia di vendere e da parte del geometra Menarini di acquistare; è quindi un passaggio irreversibile. Mi pare che questa sia una buona notizia per la città, per la maglia rossoblù e per la nostra società. Il sodalizio tra me e Renzo Menarini continuerà ad essere importante: lui è stato quello che mi ha convinto ad entrare in questa società e oggi assume un impegno molto importante, che gli rende onore e che io oggi sono qua a sottolineare con grande ammirazione. Noi abbiamo sempre lavorato con grande lealtà, collaborazione e rispetto: ci siamo sempre comportati senza pensare che l’uno fosse azionista di minoranza e l’altro di maggioranza, ma entrambi coinvolti nella gestione e responsabili verso la città e i tifosi di questa società così importante per la nostra storia e per la nostra comunità”.

Questo il primo commento rilasciato da Renzo Menarini.
“Io sono qui con molto piacere ancora a fianco di Cazzola, un grande Presidente: sarà molto difficile trovarne un altro alla sua altezza. Ha lavorato in questi tre anni con grande professionalità, assieme allo staff dirigenziale e tecnico e ai giocatori: i risultati li abbiamo visti tutti il 1° giugno, giornata secondo me storica per questa società e per la città. Era quello che ci eravamo proposti, io, Alfredo Cazzola e Mario Bandiera, al quale va un sentito ringraziamento: riportare la società e la squadra in Serie A. Io da una vita sono un costruttore, ma sin dal primo giorno ho collaborato con Alfredo con grande rispetto in questa avventura nel Bologna: spero di poter approfittare ancora della sua collaborazione, professionalità e preziosa esperienza, anche oltre il 30 settembre, data prevista per il passaggio delle sue quote al sottoscritto. Sapete che dopo la promozione abbiamo valutato le proposte di acquisto che avevamo sul tavolo, com’è normale che sia: li abbiamo ascoltati e alla fine è prevalso il buon senso siccome noi vogliamo il bene del Bologna. Si è lavorato sinora ad un potenziamento della squadra per poter fare un campionato di assestamento in Serie A: sono arrivati nuovi giocatori, molti dell’anno scorso sono rimasti e altri ne dovranno arrivare per completare l’organico. Vorrei sottolineare che sono sempre grato e sempre sarò grato ad Alfredo Cazzola per la sua capacità e per quanto ha fatto nel Bologna”.

Entreranno in società nuovi imprenditori con lei, geometra?
“Tutto quello che è stato scritto sui giornali è solo fantasia: noi abbiamo solo esaminato alcune proposte nei mesi passati, ma io finora non ho mai cercato alcun collaboratore. E non intendo farlo adesso: dobbiamo solo pensare alla squadra, poi vedremo. Per ora la nostra società si assume il pesante impegno di affrontare da sola l’avventura di affrontare il prossimo campionato: in vista non c’è nessuno che possa venire al mio fianco. Dalla prossima settimana entra a far parte della struttura, in qualità di Direttore, il dottor Pier Giovanni Ricci, che ha già lavorato al fianco di Cazzola ai tempi del PalaMalaguti e che è un dirigente di Cogei Costruzioni Spa. Direttore sportivo sarà sempre Fabrizio Salvatori. Quanto al ruolo di Presidente dopo il 30 settembre, ci devo pensare; ho due figli: mia figlia, che è qui a Sestola oggi, è una grande appassionata di calcio. Quanto a me, continuo a fare quel che ho fatto sinora, il Presidente di Cogei, dando qualche contributo al Bologna calcio: siamo tutti innamorati di questa società e vorremmo vederla fare dei progressi in Serie A; ci aspettiamo grandi cose e le vorremmo fare”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.