Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Bologna non poteva fallire per tre milioni di euro e dunque tutti quanti hanno fatto il loro. Sarà l’assemblea dei soci del prossimo 27 dicembre a decretare il passaggio di proprietà, ma se tutti manterranno le promesse si tratterà solamente di un fatto formale. I giocatori ci vanno cauti. Oggi all’uscita dopo l’allenamento nessuno di loro ha espresso fiducia che davvero tutto possa essere risolto. “Vogliamo vederlo scritto” hanno ripetuto ai pochi tifosi presenti davanti ai cancelli di Casteldebole. Anche l’Amministratore delegato Marras uscendo ha confermato quanto già affermato in mattinata. “Hanno trovato l’accordo e la società andrà al 100% alla cordata presieduta da Zanetti”. Ma sarà già domani il passaggio di consegne? “Nel cda di domani si effettuerà l’aumento di capitale, mentre sarà l’assemblea dei soci in programma il 27 dicembre a dover deliberare il passaggio di proprietà. L’importante, però, è che si siano accordati su come ripianare le perdite. Sei milioni li metterà Porcedda, tre i Menarini e tre i nuovi soci”.
Ma come si è arrivati a questa fumata bianca dopo l’arresto di ieri? Lo stesso Marras ieri verso le 20 era molto pessimista considerando il paracadute di Sabatini impraticabile per l’inconsistenza dell’offerta e si augurava che la notte portasse consiglio. Così è stato. Le parti si sono riviste e in un clima meno caldo, il passo decisivo è stato quello di Zanetti e soci che hanno capito che più di così dalla vecchia proprietà non avrebbero potuto ottenere e così hanno deciso di contribuire con tre milioni di euro al ripianamento dei debiti e si sono lasciati con una stretta di mano.
Ora si aspettano le carte e le firme. Il CDA di domani, che avverrà probabilmente in videoconferenza dovrebbe confermare quanto deciso oggi, per poi proclamare dopo Natale Massimo Zanetti nuovo presidente rossoblù. Dal Comitato di Zanetti e Consorte, c’è cautela ma pervade anche ottimismo anche se nell’unica dichiarazione ufficiale c’è quella riservatezza che troppe volte in questa trattativa è stata messa in discussione “sulla base del mandato ricevuto – ha scritto – sta cercando di chiudere l’operazione di acquisizione della società stessa. Tale operazione è potenzialmente fattibile ma non ancora assolutamente chiusa. Nel suo ruolo di consulente Intermedia comunicherà a tempo debito la chiusura, o la mancata chiusura, dell’operazione”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.