Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Sembra che la lettera l’avvocato Catalanotti l’abbia già pronta. Si chiede di conoscere il nome della persona interessata a guardare i conti del Bologna che sarà trattata con il massimo della privacy e si chiede una fideiussione a garanzia di un controllo dei conti che non può essere lasciato ai primi arrivati. Da parte dei soci c’è certamente una certa freddezza soprattutto per il fatto che in 20 anni, ci ha confidato qualcuno, non è mai arrivato l’interesse da parte di nessuno verso il Bologna, se da parte di persone poco raccomandabili. Bisogna, però, tenere in considerazione che l’aver utilizzato un advisor come Tamburi tranquillizza la gran parte dei soci e sono molto curiosi di andare a verificare se è vero che la persona interessata è un fondo straniero non riconducibile a Volpi, tesi che il petroliere spezzino ha smentito anche ieri.
Da questo punto di vista si stanno bloccando per qualche giorno anche le diverse trattative: Zanzi continua a sondare terreni e ad ascoltare i procuratori, ma come ha detto due giorni fa con Tavano per Zaballos, ci sono ora delle precedenze importanti. Prima di tutto il discorso legato a Diamanti, per il quale il Bologna non vuole spendere più di 4 milioni per la metà, contro i 7 dai quali è partito Corioni, quindi la possibile cessione di Ramirez, per il quale a oggi offerte importanti, quindi quelle dai 15 milioni in su, che è la cifra meno della quale il Bologna non si vuole neppure sedere ad un tavolo, non ne sono arrivate.
I tifosi, ovviamente, sognano. Oggi fin dalle 16.00 in una ventina hanno raggiunto la sede del centro tecnico con striscioni “Noi vogliamo un grande Bologna” e “Guaraldi se hai la pluma stai a casa”. Decisamente un atteggiamento per nulla accondiscendente con chi per la prima volta dopo 10 anni ha riportato la squadra nella parte sinistra della classifica, dopo aver salvato la società dalla scomparsa. E’ vero che l’erba del giardino è sempre più verde e il tifoso è quello a cui sognare non costa nulla, ma dopo aver avuto Taci, Tacopina e Porcedda, sputare su un piatto come quello che è stato proposto quest’anno è davvero da irriconoscenti.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.