Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

DA CAPITALE della pallacanestro italiana a metropoli del basket mondiale. Questo il futuro di una Bologna pronta a mettere a disposizione i suoi megaimpianti, qualora l’Italia riuscisse a ottenere l’organizzazione dei mondiali, in calendario nel 2014. Oggi c’è il PalaMalaguti, che si sta velocemente trasformando nella Futurshow Station, capace di accogliere avvenimenti di grande importanza, domani, invece, come sottolineato dallo stesso sindaco Sergio Cofferati, dovrebbe esserci anche il Parco delle Stelle. Due impianti agli antipodi, come del resto lo sono Virtus e Fortitudo. Uno guarda alle montagne dell’Appennino, l’altro si apre alla pianura della bassa bolognese. Eppure entrambi, per una volta, nutrano la stessa speranza: che la federbasket riesca a muoversi così bene a livello politico da convincere la Fiba ad assegnarle i mondiali nella riunione del board international che si terrà il 22 maggio 2009 a Istanbul.

CON LE SEMIFINALI che si giocheranno a Milano
e la finale da disputarsi ovviamente a Roma, Bologna ospiterà un girone di qualificazione, ma – fatto raro in Italia come nel resto del mondo – lo potrà fare su due impianti distinti con gare che si potrebbero giocare in contemporanea e con le squadre che, insieme al loro staff, viaggeranno in lungo e largo per la città, magari utilizzando proprio quelle soluzioni pubbliche – treno o people mover – , che dovrebbero rendere facile l’accesso ai due impianti. Se così sarà, sarebbe una vittoria per le Due Torri e quindi per tutti a partire proprio da Virtus e Fortitudo, impegnate a dare un’aria di modernità a una Basketcity che sembrava dovesse abdicare a qualcun altro la sua corona dopo i tanti miliardi di vecchie lire spesi negli anni tra il ’90 e il 2000.

LA POSSIBILE occasione dei mondiali ha anche messo in evidenza come Futurshow Station e Parco delle Stelle non si debbano escludere a vicenda, anzi. Semplicemente servono progetti che possano coinvolgere entrambe le realtà, solo così la probabile abbondanza di avere due impianti da 12mila posti può trasformarsi in un’effettiva ricchezza. Per il basket e per tutta la città.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.