Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Mancano solo 24 ore. Davvero poche per capire esattamente quello che succederà domani sera, data entro la quale il Bologna dovrà pagare gli stipendi di febbraio e marzo e l’irpef. Ognuna delle due scadenza vale un punto in classifica. Dall’incontro avuto ieri sera non si è capito se Guaraldi riusicrà a pagare tutto o soltanto gli stipendi. Ai tifosi riuniti avrebbe detto che pagherà gli emolumenti e la squadra si iscriverà al campionato. Se si tratta dell’ennesimo bluff non durerà molto, se lo farà si può dire che avrà fatto solo il suo dovere, non facendo sprofondare una città in una sorta di cataclisma per cui si portano i tifosi a pensare che poteva andare peggio visto che se non pagava almeno gli stipendi i punti di penalità erano due.
L’incontro con i rappresentanti del tifo, ma erano stati invitati anche il sindaco Merola e l’assessore allo sport Rizzo Nervo, è stato positivo, nello stesso momento ci sono alcuni passaggi che non sono chiari su come Guaraldi riuscirà a uscire da questo momento di empasse. Per ora conta molto proprio sul lavoro di Fusco, presentato come nuovo dirigente della società, probabilmente direttore sportivo e la promessa è quello di un ritorno prima possibile in A della squadra e della città. . Obiettivo è tenere i giocatori che decideranno di rinegoziare il proprio stipendio e cedere quelli che non intendono farlo, tenendo conto che i vari Acquafresca, Bianchi, Pazienza, Kone, Lazaros e Sorensen probabilmente saranno i primi a fare le valige visti gli stipendi non adeguati alla cadetteria. I tifosi, ma del resto come potrebbero muoversi diversamente, hanno deciso di dargli ancora credito visto che, come detto, le scadenze sono molto brevi. In caso di ennesimo tradimento la contestazione non avrà tregua.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20140529.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.