Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Si inizia scherzando e scherza anche Guaraldi sul fatto che è l’ennesimo presidente.Guaraldi vuole ricordare che se è il 3 c’è un motivo, ovvero a dicembre la società era praticamente fallita e , il percorso è stato lungo e duro. “Sono 112giorni che stiamo provando questa avventura,e come ogni avventura c’è bisogno di assestamento. Ogni giorno arrivano pignoramenti, contratti non rispettati delle vecchie proprietà” afferma il Presidente. Inoltre i due soci hanno voluto sottolineare come i tempi calcistici non sono così veloci come i giornalisti fanno credere e che il calcio mercato non si fa il 14aprile.il presidente ieri ha incontrato Malesani.quest’ultimo ha fatto delle precise richieste per quanto riguarda l’organico dei giocatori da avere per il prossimo anno. Certezze che come sottolineavano i due Soci il Bologna non è ancora in grado di dare,lasciando quindi in sospeso la questione. Solo dopo Pasqua, quando il budget da spendere sarà chiaro il Bologna riuscirà a decidere quale strada inseguire e se Malesani rientrerà nei ranghi del nuovo piano Bologna o no.Unica cosa certa che trapela da questa conferenza è che il bologna non vuole fare le cose con fretta,cadere in errori e fare scelte affrettate .”Il nostro modello servirà per valorizzare la città,Bologna è una piazza molto importante, dobbiamo costruire il nostro patrimonio ma ci vuole tempo, non si fa tutto in una settimana”continua Setti. Non mancano di parlare e citare anche gli altri soci: “Noi rappresentiamo tutti i soci”
Continuano i soci: “I conti ci dicono che dobbiamo costruire dal basso le cose, partire dai giovani e poi lanciarli per poterne trarre beneficio.I conti sono “buoni” compatibilmente con le nostre aspettative,ovvero per un campionato onorevole. La squadra non va smantellata, saremo dei pazzi a farlo. Il campionato sarà difficilissimo e per forza di cose dobbiamo fare qualche cambiamento e di conseguenza vendere qualcuno perché se vuoi comprare devi vendere.Abbiamo l’appoggio di tutti i soci, siamo l’espressione del consiglio di amministrazione e di tutti i soci.C’è tempo anche per parlare del chiacchierato rinnovo di Di Vaio:”Ero in consiglio quando è stato fatto il contratto a di Vaio , andava gestito forse in maniera sbagliata ma non c’era nessun preconcetto e tutto si chiarirà. Lo abbiamo fatto per dare un segnale a tutti, e qui c’è stata troppa fretta lo ammetto.”

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.