Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_VIRTUS_20150202.mp4
Dal -9 del terzo quarto al recupero, fino al solito maestoso Alla Ray che trascina i suoi negli ultimi minuti e consegna una vittoria che probabilmente segna la svolta al campionato della Virtus. A Capo d’Orlando i ragazzi di Valli si impongono 72-63 ed entrano, anche se a pari merito, nel giro delle prime otto del campionato. Contemporaneamente chiude il discorso salvezza con una prova di maturità che sa tanto di definitiva maturazione di un gruppo che non punta solo su Ray e Hazell, ma ha trovato in White e Reddic due lunghi importanti e in Gaddy, Mazzola, Fontecchio e Imbrò alternative che comunque non fanno calare l’intensità e permettono ai protagonisti di rifiatare mantenendo salda la tensione. Ci ha pensato Valli a tenere bassa la voglia di volare, anche perchè sa quanto sarebbe deleterio abbassare proprio ora la tensione. Di play off ne parlano la stampa e i tifosi non certo la società e il suo tecnico, ma è chiaro che arrivarci, con tanto di -2, sarebbe veramente un traguardo clamoroso. Nel frattempo, come hanno detto Valli e Ray, bisogna pensare una partita alla volta, e godersi la classifica che a oggi dice ottavo posto, in un gruppo ben nutrito. Fatto il doveroso saluto al gruppo, è giusto parlare delle prestazioni dei singoli: Allan Ray ha disputato una partita al limite dell’irreale, facendo canestro, 21 punti, recuperando 5 palloni e distribuendo 7 assist ai compagni. E nell’ultimo quarto si è caricato la squadra sulle spalle e l’ha portata per mano alla vittoria con tutti i canestri decisivi. Ray è alla quinta partita in fila con almeno 20 punti segnati, e al momento è seriamente candidato al premio di MVP del campionato. Okaro White si è ripreso alla grande dopo qualche partita un po’ sottotono, e con 12 punti e altratti rimbalzi ha fatto il bello e il cattivo tempo sotto le plance. E infine bisogna parlare di Juvonte Reddic. L’ultimo arrivato ha fatto una prova da 15 punti e 10 rimbalzi in 17’, e si dimostrato concreto ed efficace, oltre che dotato di ottima tecnica. Ieri il reparto lunghi ha letteralmente dominato: 44 contro 35 i rimbalzi, di cui 18 offensivi, che sono stati cruciali in una sera in cui la Virtus ha tirato molto male, soprattutto all’inizio. Infine grande merito va a Giorgio Valli che sta riuscendo a realizzare un capolavoro, fatto di lavoro quotidiano in palestra, riuscendo a fondere insieme tanti giocatori vogliosi ma che senza un manico difficilmente si riescono a tramutare in squadra..E se è vero che la Fondazione Virtus, entusiasta della stagione ha deciso di investire più risorse per cominciare a fondare la squadra per il prossimo anno, allora è giusto cominciare a fermare qualcuno perchè è chiaro che più passa il tempo, più le condizioni cambiano e le altre squadre potrebbero mettere gli occhi su qualche gioiellino.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.