Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Quanti ce ne sono? Una valanga. Sono gli ex imolesi in giro per il globo, alcuni indimenticabili, altri dimenticati volentieri, altri simpaticamente vivi perché la realtà è incontrarli una giornata si e una no proprio in LegaDue. I vari Ezugwu, Salvi e Heinrich, quelli di più fresca memoria, li lasciamo perdere perché tutti sanno “cosa” fanno e soprattutto dove. Concentriamoci sugli altri, partendo dagli americani, alcuni finiti veramente nel “futuro”.
Basket con brio E’ il caso di Darren Kelly, playmaker (ma anche no) visto malvolentieri all’Andrea Costa due stagioni or sono, quando Imola retrocesse sul campo e poi fu ripescata. Il forzone più forzone di tutti è attualmente in “forza” al Moutahed, in Libano, dove lo hanno confermato a furor di popolo dopo l’ottima stagione scorsa (18.5 punti in 22 match). Esordirà il 23 novembre, li le cose si fanno con molta calma.
Chi invece è nel bel mezzo della stagione è l’ala Kevin Freeman, tagliato dopo 8 partite nello scorso campionato per far posto a Jason Parker: KF ha svoltato in tutti i sensi, preferendo la seconda lega messicana (UBLP), girone Sud, coi simpatici Angeles De Pueblas, attualmente penultimi in classifica dopo il ko rimediato in trasferta col Mexicali. Insomma, dovunque va, Kevin deve soffrire le pene dell’inferno.
Ma la vera chicca, pescata nemmeno troppo lontano, porta il nome di Bingo Merriex, ala pivot di Wichita Falls alla corte di Demis Cavina nel 2004-05, quello della salvezza all’ultima giornata grazie al ko di Fabriano a Caserta. Il salterino gioca – e bene – in Francia, nel Le Havre, caduto per 86-69 nella tana del forte Nancy nonostante i 15 punti (6/16 al tiro però) e 11 rimbalzi di Bingo, che dopo 5 giornate è in terzultima posizione (1-4 il record) assieme ai suoi compagni.
Patrioti Due ragazzi di bella speranza – almeno si spera – e l’idolo incontrastato dell’Andrea Costa, il simbolo di anni di gioie e sofferenze. Cominciamo da lui, da Vincenzino Esposito: con la sua Ozzano, nel girone A della A dilettanti, condivide l’ultima piazza assieme ad altri tre club, dopo la beffa interna patita dalla PentaGruppo contro l’Agricola Gloria di un altro immortale, Andrea Niccolai. Per El Diablo, 25 punti (7/13 dal campo) e 5 assist, anestetizzati non dal Nick ma dal fratello Gabriele, 25 con 10/19.
Se largo ai giovani deve essere, allora ci indirizziamo in LegaA, dove i giovani rampolli spesso scaldano le panchine invece di fare la famigerata esperienza: con Pietro Aradori, però, Luca Bechi è abbastanza “buono”. Il talento bresciano, due stagioni or sono con Gentile sul pino, ha espugnato con la sua Biella il difficile parquet di Avellino, segnando 4 punti nei 15’ in campo.
Vittoria anche per Roberto Rullo, altro prestito celebre dell’Andrea Costa, che è tornato a Treviso dove gioca davvero poco (8.8 minuti, meglio che niente…) e contro Caserta, pur dilagando la Benetton, ha visto la palla solo per 4’, con un solo tiro tentato – e sbagliato – dall’arco.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.