Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Chi ben comincia è a metà dell’opera. Detto popolare finché si vuole e non sempre esatto – la Virtus dei disastri della scorsa stagione partì espugnando Capo D’Orlando – ma che conserva il suo fondo di verità. Per la nuova Virtus, rinnovata nel roster, nelle ambizioni e nel palasport, era fondamentale partire con il piede giusto e la vittoria di domenica su Biella (l’anno scorso vincente a Casalecchio alla seconda giornata) è stata la benzina migliore per una stagione che vuole essere anni luce distante da quella passata. Uno dei pochi elementi di continuità si chiama Guilherme Giovannoni, capitano bianconero, tra i più positivi lo scorso anno e rimasto con ruoli decisamente differenti: l’anno scorso al brasiliano toccavano pentole e coperchi, quest’anno “Gui” è uno dei tanti ingranaggi di una macchina che deve filare a velocità ben più alte. Per lui 20 minuti e 9 punti contro Biella, con una Virtus che comincia a prendere forma
«L’Angelico era una squadra insidiosa, perché come ogni anno presenta americani di valore e ha grande talento offensivo: volevamo controllare il loro ritmo, perché se segnano con continuità diventano pericolosi, e ci siamo riusciti. Ora dobbiamo continuare a lavorare così. Siamo cresciuti tanto, specialmente in difesa, e conoscendoci meglio miglioreremo ancora».
La prima uscita ufficiale della Fortezza ha messo subito in vetrina un Boykins scintillante, che gioca e fa giocare, segna e fa segnare. Giovannoni conferma l’importanza dell’ex Nba: «Sa sempre dove mettere la palla, segna con continuità: è fortissimo. Viene quasi automatico mettere il pallone nelle sue mani ed è il nostro go-to-guy: è una parte fondamentale della nuova Virtus».Una squadra che ora deve cancellare con un sorriso la vittoria contro Biella e cominciare a pensare al secondo impegno di campionato, già uno scontro-verità contro l’ambiziosa Armani Jeans Milano, che non sembra ancora a pieno regime nonostante la vittoria ottenuta all’esordio a Pesaro.
Capitan Giovannoni traccia un futuro roseo e punta già alla trasferta meneghina:«Siamo una squadra a cui piace giocare insieme e in campo credo si sia visto bene: dà stimoli, ci cerchiamo tanto e in ottica campionato è un gran bel segnale. Ho visto Milano nell’anticipo tv contro Pesaro: non hanno dominato la partita, ma sono stati bravi a prendersi i due punti tenendo testa a Pesaro nel momento decisivo. Sono forti e per noi sarà dura, ma vogliamo bissare la vittoria contro Biella».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.