Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Mentre Mihajlovic ha ancora tanti dubbi per l’incontro con il Genoa di domenica a Marassi, per Gasperini tutto è più semplice. Sei vittorie in sei partite davanti al proprio pubblico danno serenità e la capacità di gestire al meglio ogni situazione. Il Bologna spera che la diffenza in classifica faccia prendere l’impegno un po’ sotto gamba, perché è comunque l’ora di arrivare alla prima vittoria anche se il morale dopo il pareggio di domenica non è certo dei più alti.
Per il Genoa 3-4-3, con Papastathopoulos, Ferrari e Bocchetti davanti a Rubinho, con Rossi esterno destro e Mesto a sinistra, Juric davanti alla difesa mentre Milanetto a costruire il gioco per i tre uomini offensivi, cioè Palladino, Sculli, che si è ripreso dopo qualche problema in settimana e bomber Milito, capocannoniere del campionato con undici reti.
Il Bologna, che dovrà fare a meno di Bombardini squalificato, Castellini e Adailton infortunati, risponde con un blocco difensivo che sarà sempre lo stesso, con Zenoni e Lanna esterni e terzi e Moras al centro. In mezzo probabilmente verranno riproposti Mingazzini e Mudingayi, dunque con la nuova esclusione per Carrus, mentre si giocano una maglia sull’out destro Coelho e Marchini e su quello sinistro Cesar e Valiani, mentre l’unica certezza è Di Vaio. Per Marchini e Valiani c’è pure la possibilità di giocare dietro all’unica punta, come ha fatto Valiani domenica scorsa o Marchini nell’amichevole di giovedì. L’incontro è stato affidato a Velotto di Grosseto alla sua quarta direzione in A, mentre non ha mai ha diretto i rossoblù.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.