Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_fortitudo_20140117.mp4

Occasione migliore per riscattarsi non poteva esserci. Dopo la più che deludente prestazione offerta al Pala Ravizza di Pavia, la Fortitudo, domenica, ospita la capolista del girone, quella Tortona che all’andata rifilò un ventello ai biancoblu, provocando i primi grattacapo di stagione a Toto Tinti. Rivincita: questo l’obiettivo, se non imperativo per la F, che di cadere a casa sua proprio non ne vuole sapere. Stefano Spizzichini, a riguardo, è stato piuttosto chiaro: “Tortona, il nostro campo, non se lo prenderà!”. Queste le parole del centro, chiamato, insieme ai suoi compagni, a mettere in campo quella determinazione e cattiveria agonistica dimenticate nella locker room di Pavia. Il mercato aperto, poi, rappresenta uno stimolo in più. Alcuni degli uomini di Tinti, reduci da performance non esaltanti, potrebbero svuotare l’armadietto e abbandonare quella maglia che in molti non vedono l’ora di indossare: Verri, a tal proposito, ne sa qualcosa. Uno dei giocatori più bersagliati dalla critica è Gabriele Fin. Qualche appassionato lo ha già messo alla porta, tuttavia il play gode di una fiducia smodata da parte del coach, che, da parte sua, non ha mai nascosto, tutt’altro. Il momento di appannamento è qualcosa di concreto, ma le qualità per mettere a tacere la malelingue ci sono tutte. Qualche rumors lo si è sentito pure su Pederzini, in calo nelle ultime uscite, ma parlare della partenza di uno dei leader della squadra sembra puro fantamercato. L’importante è che la testa sia solo a Tortona, vera e propria realtà del girone. Questa volta le marcature dovranno essere più serrate sia sul lungo Rotondo, che sul regista Venuto, due che all’andata fecero letteralmente impazzire la difesa fortitudina. Fondamentale sarà l’apporto di Spizzichini e De Min sotto canestro, che dovranno prestare attenzione a non commettere troppi falli nei primi due quarti, in modo da non condizionare le rotazioni di Tinti e, di conseguenza, la gara. Come ha detto Verri, “ci vorrà tanta fotta” contro chi porta lo stemma del leone sul petto, ma la Fortitudo, di leoni, ne ha una fossa intera.

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.