Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Fortitudo sta vivendo una sosta natalizia d’altri tempi: ultima partita giocata il 19 dicembre (e stiamo parlando della sciagurata sconfitta interna contro Bassano), la F scudata tornerà sul parquet per un match ufficiale il 6 di gennaio, nella trasferta a Villafranca. Ben 18 giorni di stop, roba (come si diceva) d’altri tempi, perché ormai la palla a spicchi non si ferma mai, anzi spesso sfrutta proprio le festività natalizie per rubare qualche spettatore al calcio. Non così, invece, in B Dilettanti, dove i giocatori hanno il più delle volte un lavoro vero e proprio, oltre al basket e di conseguenza il Natale diviene sacrosanto, per gli atleti e per le relative famiglie. Queste 3 settimane scarse di stop non hanno portato alla Fortitudo grandi scossoni: chi pronosticava un cambio di panchina si è trovato sbugiardato, dal momento che coach Giuliani è ancora lì saldo, al suo posto. Non ci sono però state nemmeno novità d’organico: monca di Carretta, che non vedrà il campo fino a primavera inoltrata, e pure di Davide Lamma, che non riuscirà a rientrare a Villafranca il sei gennaio, come inizialmente si sperava, in casa biancoblù si è registrato solo il ritorno di Acquaviva, la cui assenza contro Bassano, forse anche più di quella di capitan Lamma, si è davvero fatta sentire. A differenza di quello che sperava gran parte della tifoseria, non sono quindi arrivati nomi nuovi nell’organico della F scudata: si parla, ormai da mesi, di Riccardo Pederzini, che però a questo punto difficilmente abbandonerà Recanati, ed oltre questo nome il nulla, nonostante il roster sia attualmente ben più che smagrito. Forse, a questo punto occorrerebbe dichiarare una volta per tutte l’obiettivo stagionale: se si mira a fare semplicemente un buon campionato, il tifoso sarà capace di adattarsi, come tante altre volte nella storia biancoblù. Se invece si mirasse alla promozione, è davanti agli occhi di tutti che questo roster è largamente incompleto: e che quindi rimanere ora, durante questa lunga sosta, con le mani in mano, è stato davvero un suicidio.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.