Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ Zoran Savic, appena rientrato dalla Spagna, a presentare Qyntel Woods: “E’ il primo su cui abbiamo puntato, un grande acquisto che potrà giocare da 3 e da 4, e che dopo l’anno nell’Olympiacos ha già un po’ di esperienza di basket europeo. Ha talento e fisicità, e puntiamo tanto su di lui. Stiamo cercando di finire la squadra, e nei prossimi giorni penso che tutto sarà chiuso. Intanto abbiamo firmato Earl Barron per una stagione, arriverà a breve dopo aver preso il visto. Lungo atipico, 213cm ma con buona mano da fuori, è veloce, ha esperienza e potrà ambientarsi facilmente; non penso poi che ci saranno problemi di assetti, dato che se rimane Bagaric avremo abbastanza giocatori polivalenti per giocare insieme, diverse soluzioni. Diciamo che questa Fortitudo assomiglia abbastanza a quella che avevo in mente, d’altra parte forse anche il CSKA ora sta pensando che gli manca qualcosa. Ma c’è l’entusiasmo giusto per provare a tornare dove eravamo qualche anno fa. Abbiamo talento, ma è difficile fare delle gerarchie: ci sono squadre vincenti e non vincenti, ora sembra ci siano 4-5 squadre che hanno già vinto il campionato, ma un conto è dirlo di Siena, poi dietro ce ne sono altre che renderanno questo campionato più forte di quello dell’anno scorso. Gordon? E’ uno dei nomi che stiamo trattando.”

Poi, parola a Woods.
Come ti senti nel venire a Bologna? “Sono felice, per me è una esperienza nuova che mi appresto a vivere con curiosità”

Coach Sakota dice di essere intrigato dal tuo talento, ma che aspetta da te anche continuità. “Lo so, posso capire quello che dice, perché nello scorso anno non sono riuscito ad avere questa continuità, e per questo fin dall’inizio della stagione voglio provare ad essere concentrato al meglio”

Cosa ti aspetti dai tifosi Fortitudo, che vanno matti per giocatori come te? “Mi sono piaciuti i fans greci, ma so che questi sono molto calorosi e non vedo l’ora di giocare per loro, che amano giocatori che possono infiammarli durante la partita”

Cosa puoi portare alla squadra? “Tutto il mio gioco, e quello che mi verrà chiesto dall’allenatore, dalla difesa in poi, io sono pronto a darlo”

Giocherai con Forte, sarete una coppia esplosiva. “Lo conosco, è un grande giocatore e ottima persona. E’ mio amico anche se non abbiamo mai giocato insieme, questa ora è una cosa veramente bella, aspetto con ansia di poter giocare con lui”

Dove pensi di poter migliorare? “La consistenza, perché devo imparare a giocare sempre ad un buon livello, con maggiore continuità di rendimento; in particolar modo, penso di dover migliorare nel tiro da fuori anche per evitare che i difensori limitino le mie penetrazioni”

Cosa conosci del campionato italiano. “Abbiamo giocato contro Siena quando ero in Grecia, so essere una ottima squadra. Ma io voglio focalizzare su di me, sulla mia squadra: non mi preoccupo della forza degli avversari, ma far andare al meglio la Fortitudo per i nostri tifosi e per vincere”

Un commento sulla tua esperienza NBA? “E’ stata una bella esperienza, positiva, anche se ci sono stati aspetti negativi. In particolare, per un ragazzo giovane, avere molti soldi e non sapere bene come gestirli può portare a commettere errori, come è successo a me. Portland forse non è stata poi la soluzione giusta per me, anche se non voglio rinnegare niente: però c’erano tanti giocatori nel mio ruolo, e non avevo modo di mostrare quanto potevo fare”

E quella greca? “Mi è piaciuta: bello il posto e bello il basket, resta il rammarico che avrei potuto fare di più”

Tanti giocatori americani stanno venendo in Europa. “Non sono particolarmente sorpreso, in quanto l’NBA fa sì che il mercato non possa pagare i giocatori come questi vorrebbero, allora ci sta che vengano cercate soluzioni anche all’estero”

Conosci Earl Barron? “Sì, ma quando sono arrivato a Miami lui era già andato via”

Hai già esperienza di derby, in Grecia, ora c’è quello di Bologna. “I grandi match sono quelli che io aspetto maggiormente, sono nato per giocare le partite dove c’è grande rivalità e non vedo l’ora di provarle, anche per dimostrare ai tifosi quello che so fare”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.