Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Fortitudo, che sabato sera dovrebbe debuttare con le nuove maglie recanti la griffe di “Gmac-Real Estate”, è l’unica delle presunte grandi del campionato a vivere un momento di crisi acuta. Dopo l’allucinante meno 23 di Biella, il coach Dragan Sakota ha portato la squadra in palestra già lunedì mattina. Ma allenamenti punitivi a parte, adesso anche l’allenatore è sul banco degli imputati. Nonostante gli venga riconosciuta l’attenuante degli infortuni (inutilizzato per ora Dalibor Bagaric) e soprattutto dell’impossibilità di schierare più di due americani dopo il divorzio-choc da Joseph Forte, la Fortitudo in sei gare non ha mostrato alcun progresso. Le due vittorie (Udine e Rieti, entrambe in coda alla graduatoria) sono state il frutto di due exploit individuali di Forte e Mancinelli in Friuli, di Qyntel Woods con i sabini. Ma tre delle quattro sconfitte sono maturate oltre i venti punti di scarto, le ultime due gare (a Siena e Biella) sono finite con scarti angoscianti, 50 punti complessivi, e 200 punti subiti, a testimonianza dell’inadeguatezza della difesa. Il generai manager Zoran Savic pensa di dare a Sakota l’opportunità di allenare la squadra che verrà rifatta durante la prima delle tre finestre di mercato (si apre la prossima settimana) ma prima di certificare questa scelta occorre vedere cosa succederà sabato contro Treviso, in buona forma e pronta a recuperare il centro Martin Rancik. Una cattiva sconfitta aprirebbe ufficialmente la crisi.Proprio Savic è impegnato sul fronte del mercato che ha già portato a Bologna il tuttofare DJ Strawberry, figlio dell’ex campione degli Yankees di baseball, che Sakota spera sia la soluzione dei problemi difensivi della squadra per le sue caratteristiche di combattente atletico e duttile. E’ probabile che Savic chiuda anche il contratto di Gregor Fucka, il vecchio leone che da un mese si allena con la Fortitudo per tenersi in forma e potrebbe avere un’influenza positiva su uno spogliatoio che finora si è distinto soprattutto per atti di indisciplina che hanno portato al clamoroso allontanamento di Forte e sono costati a Woods «la multa più alta nella storia del club», secondo lo stesso Savic. Ma per perfezionare l’ingaggio di Fucka, la Fortitudo ha bisogno di trovare prima il suo centro titolare.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.