Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ieri la Fortitudo ha ripreso ad allenarsi al completo, incluso Uros Slokar che tecnicamente domenica alle 12 nel derby più pesante della sua storia la Fortitudo potrebbe portare in panchina. Non ci sono stati confronti tra coach e presidente, perché in questo momento il referente di Cesare Pancotto può essere solo Zoran Savic (ieri mattina nuova ondata di voci su sue presunte dimissioni, smentite con la consueta energia) che ha in mano le chiavi tecniche della società. Ma è chiaro che tra Biella e Ferrara (in mezzo Treviso) qualcosa si è spezzato in un feeling che a dispetto dei risultati per un po’ era sembrato ben sviluppato. La conseguenza è che la linea societaria trasmessa all’allenatore è che la Fortitudo resta questa, non ci saranno tagli come del resto era stato deciso già nella notte di sabato, ma ovviamente l’allenatore ha la facoltà di utilizzare chi crede. Ma è sempre stato così. La Fortitudo non ha nulla in contrario all’impiego già nel derby di otto giocatori o anche meno, anzi a dirla tutta – Savic in testa – ci si aspettava che il coach lo facesse anche prima. Intanto la realtà è quella di una squadra in piena zona retrocessione, penalizzata oggi dalla Corte Federale, dagli scontri diretti (negativi con Ferrara e Rieti, situazione ribaltabile con Caserta, 2-0 con Udine) e ancor di più dalla qualità del gioco che esprime. E intanto la gente si chiede come si è potuti cadere così in basso.

SACRATI • Dal suo punto di vista ha messo nelle mani del general manager che tutti i fortitudini avrebbero voluto i mezzi per costruire una squadra ricca di grandi nomi. Savic l’ha definito «un proprietario ideale» perché ha pazienza, non interferisce, incita e qualche volta è anche troppo buono. Ma al di là della salute economica del club, oggetto di eterna attenzione con estremo dispiacere del presidente che la vede come un accanimento personale nei suoi confronti, l’errore di Sacrati è stato quello di credere che – una volta assunto Savic – potesse ritirarsi in buon ordine nel proprio ufficio ad occuparsi di strategie e progetti, a programmare il futuro della società e godersi la partita la domenica. Non ha mai funzionato. Anche la diserzione delle aule di Lega non ha aiutato a recuperare quel peso politico che si sospetta abbia favorito la decisione della Corte Federale nel caso Montegranaro. In termini invece di errori pratici è lui di fatto il responsabile del mancato tesseramento di Alex Scales prima di Biella. Oggi quei due punti sarebbero ossigeno.

SAVIC – Ha avuto carta bianca da Sacrati e i fatti dicono che non ha riempito il foglio in modo corretto. Per definire le sue responsabilità estive, quando la squadra è stata costruita, bisognerebbe sapere quanto di quella squadra fosse frutto delle sue idee e quanto delle idee di Dragan Sakota. Ma se la Fortitudo ha avuto problemi disciplinari e in ultima analisi problemi tecnici è chiaro che il responsabile dell’area tecnica va considerato processabile anche lui, per quanto abbia portato a Bologna anche giocatori di livello. Tali sono sempre stati considerati Papadopoulos, Huertas, Scales, Strawberry. Oggi si fatica a individuare una guida per la Fortitudo oltre Savic, ma Zoran adesso va considerato parte dei problemi dell’Aquila e l’auspicio è che diventi anche parte della soluzione.

PANCOTTO – E’ arrivato a Bologna e ha trovato una squadra in crisi, strapazzata nel derby. E’ passato un girone intero, ha pagato infortuni a raffica, ha giocato spesso con due americani ma in generale ha vinto troppo poco con i giocatori a disposizione. Quattro vittorie in 14 gare come Sakota in nove. Numeri impietosi, anche se la sua Fortitudo ha sbracato un po’ meno della precedente. Però aveva parlato subito di rotazioni da ridurre, certezze da garantire, e proprio questi temi sono stati al centro del post-Ferrara. Per questo in società c’è stato nervosismo e ci si è domandati se servivano 14 partite per ritornare al punto di partenza. Oggi nel disastro non si salva neppure lui.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.