Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_fortitudo_20131206.mp4

Di Jack Bonora

Sabato alle 20,30 la sfida tra Fortitudo e Piombino. Per i veri tifosi della F scudata, consiglio di fare un salto, prima, alle 18, a Palazzo Re Enzo, dove verrà presentato il libro “Un saluto ai ragazzi”, firmato dal trio Marrese-Venturi-Governa. 18 storie, tutte da gustare, in salsa Fortitudo, raccontate da ottime penne e, quindi, ancora più godibili. Appena il tempo di acquistare il libro, perfetto regalo natalizio e non solo, e si va al Paladozza per seguire, appunto, la sfida con una squadra che ha un nuovo allenatore, molto amato dal pubblico di casa, visto che si tratta dell’ ex Eagles Massimo Padovano. Punta su tre giocatori di riferimento, l’esterno Iardella e i lunghi Iannilli e Modica, due signori che ai tempi erano buonissimi in B1. Proprio Spizzichini, ai nostri microfoni, ha evidenziato che la chiave tattica del match è tenere Iannilli lontano al canestro, visto che parliamo di un colosso che viaggia a 14 punti e 11 rimbalzi di media, anche se con percentuali non entusiasmanti. Tinti non sa ancora se potrà disporre di Mattia De Ruvo, che ha rimediato una frattura scomposta al setto nasale durante un allenamento. Gli altri ci saranno tutti e a loro il coach chiede un’intensità ben superiore rispetto a quella mostrata a Montecatini. Piombino ne ha vinte 4 su 9 e, più che mai al Paladozza, è assolutamente da battere. Certo se Venturelli ritrovasse la mano calda che ne ha contraddistinto la carriera, sarebbe una buona cosa. E’ stato espressamente voluto da Toto Tinti per essere una prima punta, invece, purtroppo, è apparso spuntato. Se la Fortitudo vuole giocare per essere promossa ha due alternative: o ritrovare quel giocatore, o prenderne uno al suo posto.

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.