Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

IL RITORNO di Zoran Savic sulla scrivania, dopo quella magica annata coronata con lo scudetto di Repesa, per cercare di migliorare l’ottavo posto dell’ultimo campionato.
A Bologna sponda Upim non sono arrivati i nomi di livello pari a quelli della Virtus, ma il mercato ha portato comunque tante novità, alcune stuzzicanti e alcune da scoprire.
E’ rimasto il capitano e bandiera del club, Davide Lamma, e con lui un’ossatura che ha a cuore le sorti dell’Aquila, composta da Mancinelli, Cittadini ed il grande talento di Joseph Forte. Ed attorno a questi quattro un mix che può dare buoni frutti. A cominciare dalla cabina di regia, dove il brasiliano con passaporto italiano Marcelo Huertas catalizza molte attenzioni. Venticinque anni, giocava a Bilbao nella scorsa stagione. Alle sue spalle, nel ruolo di playguardia, coach Sakota (che si avvarrà per il secondo anno della collaborazione del ferrarese Federico Pasquini nel ruolo di assistente) ha pensato ad un rookie, il giovanissimo Jamont Gordon, una scommessa che in casa Upim contano di vincere. Ma è chiaro che molti destini si baseranno sul rendimento dei giocatori da quintetto base: e lì, tra Forte e Mancinelli, giocherà Quyintel Woods, ala di grande atletismo che nell’Nba a giocato a Portland e New York e che nell’ultima stagione era all’Olimpiakos Pireo. Insomma, un giocatore di prima fascia europea che, se si integra col talento un po’ anarchico di Forte, può far vedere i sorci verdi a molti avversari. E a cambiare gli esterni, oltre a Lamma e Gordon, ci sarà anche il pesarese Malaventura. Qualità e quantità anche sotto le plance. Già detto di Alessandro Cittadini nel ruolo di cambio, il lungo titolare sarà il 2,13 Earl Barron, giocatore di vocazione perimetrale a dispetto dell’altezza, che a Miami nell’ultima stagione giocava ben diciannove minuti di media con 7 punti e 4 rimbalzi a partita. Nel suo ruolo anche lo sloveno ed ex trevigiano Slokar, nell’ultima stagione in Russia, e, fresco di firma, Kieron Achara, scozzese che ha appena terminato il college negli Usa.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.