Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

ROOKIE è BELLO? A Ferrara pare proprio di sì. Al Basket Club infatti, in questi sette anni di Legadue, la pesca oltre oceano è spesso stata efficacissima. Non soltanto quando si trattava di trovare giocatori già esperti di Europa o conosciuti nelle leghe minori americane, ma anche quando si trattava di scovare vere e proprie matricole appena uscite dal college, che negli Usa appunto chiamano «rookie».
A volte per esigenze di budget, altre volte perchè si intravedono sprazzi di talento puro, si sceglie questa via, rischiosa ma stimolante. E’ sicuramente una matricola Mykal Riley, su cui Valli scommette e punta ad occhi chiusi.
Giusto dare credito al coach bianconero, che due anni fa, nella stessa maniera, fece scoprire ai tifosi bianconeri ed al basket della Legadue il talento di Andre Collins.
Ma quante volte in passato al Basket Club, anche prima dell’arrivo di Giorgio Valli, ci si è affidati a giovani matricole? Poche volte, ma quasi sempre a ragion veduta. Al primo anno di Legadue, al fianco di Usa più esperti come Hamilton e Pierre Louis prima, e Freeman poi (arrivato a stagione in corso da Montegranaro), il duo Trullo-Montini pescò Monty Mack e Terry Black. Non certo giocatori dal talento paragonabile ad Andre Collins, ma ragazzi che si resero utili nel raggiungimento dell’ottavo posto e dei playoff. Mack poi, in questi anni ha sempre giocato in Italia e in Europa e nell’ultima stagione ha pure vinto lo scudetto in Repubblica Ceca. L’unica scommessa persa fu quella di Stefano Cioppi, che nella stagione 2004/2005 pescò Noel Felix dalle summer league statunitensi. Atleta incredibile, ma ancora troppo acerbo, la sua avventura a Ferrara durò pochi mesi prima del taglio, con il Club vicino all’ultimo posto in classifica. Dopo quell’anno ci si è affidati a gente già conosciuta in Europa: Tolbert, Burditt, Williams, Carlisle, Edwards, Mazique, Mc Intyre (che, da semisconosciuto, aveva già giocato in Francia e Germania), Ivory, Thomas, Whisby, Darby, Parker, Marigney e Jamison.
E’ stato Valli a ripercorrere questa strada, e dopo aver vinto la scommessa Collins, ci riprova con Riley. Se il destino sarà lo stesso, la missione salvezza in serie A potrebbe rivelarsi meno dura del previsto.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.