Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ferrara bella e deteminata fin dall’avvio (15-0 al 5’), Rieti in vacanza in Siberia per il –41 dello scadere. 105-64, anche +44 per la Carife, 28 per Collins, 27 per Jamison e 25 per Apodaca. Disastrosi Pasco e Green.

Partita della speranza per entrambe le squadre, forse non l’ultima spiaggia ma un match che definirà la candidata principe alla discesa nel purgatorio della LegaDue; la pressione è tutta sulle spalle di Ferrara chiamata a concretizzare dopo una serie di gare in cui gioca senza mai essere doma durante il match che però si chiude regolarmente con i bianconeri con le pive nel sacco, mentre Rieti è reduce dalla vittoria con il cuore in gola su Caserta e da una complicata situazione economico-societaria.

Assente Ingles, ritorna Gigena, mentre Hubacek rimane a Rieti per motivi disciplinari. Di fronte a 3050 spettatori di cui quasi cento ospiti si affrontano i seguenti quintetti: Collins, Apodaca, Nnamaka, Ebi e Jamison per Valli; Green, Campbell, Prato, Sklavos e Pasco per Lardo.

1° QUARTO – Inizio convincente per Ferrara (7-0) con Apodaca, Lardo costretto al time-out dopo 90 secondi molto approssimativi della Solsonica che al ritorno in campo continua a soffrire sterilmente nulla in attacco. 15-0 dopo 15 minuti propiziati dal portoricano di Ferrara, da una buona circolazione di palla e da mister “Jam” gladiatore sotto canestro e già in doppia cifra contro il triste Pasco. Sette minuti per il primo canestro dal campo ospite a segno con Green. Significativo 24-10 per gli estensi avanti anche +17, 2/12 dal campo per Rieti. 33-4 la valutazione.

2° QUARTO – Prato da smalto all’attacco reatino, ma Collins gli risponde trovando anche la via del canestro. Pasco e Green sono deleteri, il Basket Club imperversa 37-16 al 14’ con la gara virtualmente già chiusa. Jamison segna 21 punti, Collins 18 in questo quarto, Rieti è out e Ferrara dilaga. Incredibile 58-20 all’intervallo 18% dal campo per Rieti, 78-4 la valutazione.

3° QUARTO – Rieti prova a reagire vincendo questo quarto di misura (20-25), ma arrivata a –26 (67-41) si smarrisce sotto i colpi di Apodaca. 78-45 allo scadere.

4° QUARTO – Rieti perde il poco orgoglio rimasto e si smarrisce sotto le bordate avversarie che infiammano ogni spettatore di Ferrara. E’ tempo per le ovazioni da una parte anche per il primo canestro dal campo nella massima categoria del giovane Mazzola e per la depressione dall’altra con un polare -44. Finisce con un incredibile ed imprevedibile 105-64.

Coach Valli (Ferrara): “Ringrazio società e staff tecnico per l’ulteriore vicinanza nel momento più difficile. Gruppo compatto in palestra, buon feeling, abbiamo messo a tacere voci un po’ stupidotte di mercato. Siamo partiti dalla difesa concedendo solo briciole, più sereni abbiamo fatto contropiedi e tiri da tre, lo specchio è stato Collins già utile prima di cominciare a segnare. Nnamaka non ha giocato nel secondo tempo per problemi fisici. Peccato che questa vittoria valga solo due punti, il campionato inizia adesso già dall’impegnativa trasferta con Montegranaro. Apodaca sta entrando nei nostri giochi, ringrazio particolarmente Rizzo che è stato utilissimo in questi mesi e questa settimana in particolare. Se fossimo stata una squadra con problemi non avremmo potuto fare una gara del genere”

Coach Lardo (Rieti): “Complimenti a Ferrara per la prestazione in una situazione particolare, prestazione che avrei voluto anche io dai miei, molti meriti loro, grandi percentuali, non mi spiego questa prova ma ci tengo a garantire comunque l’impegno dei ragazzi. Oggi sembravamo capitati qui per caso, unica piccola attenuante è che giocando in 6-7 prima o poi potevamo avere cali fisici comunque imprevedibili fino a ieri. Rinnovo le mie scuse a tutto il pubblico e ai tanti tifosi giunti da Rieti per la prestazione non degna di una squadra di serie A, speriamo di non abbatterci il morale. Hubalek è rimasto a Rieti per motivi disciplinari, ho preso ieri questa decisione, è un bravo ragazzo ma con poca attitudine al lavoro rispetto a tutti i suoi compagni, nonostante le difficoltà questo non è tollerabile.”

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.