Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La corsa alla qualificazione alla Seconda Fase di Eurocup si deciderà soltanto alla volata finale, tra le tre pretendenti al secondo posto dietro alla favorita Pamesa Valencia che ha mantenuto pronostici e imbattibilità (e, nella Liga, ha appena vinto fuori casa a Bilbao). Dietro agli spagnoli con 10 punti frutto del 5-0, ci sono Artland Dragons e Fortitudo Bologna con 4 punti a testa (ma il 2-0 per i tedeschi), ma ancora in corsa ci sono anche i serbi dell’FMP Belgrado con 2 punti (e lo 0-2 con la Effe, che potrebbe contare). Ebbene, domani sera in contemporanea alle ore 19 si disputeranno le due partite dell’ultima giornata, Pamesa-Fortitudo e Artland-FMP. Con ogni scenario ancora possibile, ai fini della qualificazione.Ai biancoblù non basterà contare sulle proprie forze per decidere il proprio destino: paradossalmente, potrebbero vincere ma essere ugualmente eliminati oppure perdere ma raggiungere ugualmente l’obiettivo. Il punto di base è il risultato dei tedeschi: se vincono, sono matematicamente loro i secondi. Perdendo invece aprirebbero la strada alla Effe, a meno che l’FMP non riesca nell’impresa di… stravincere ribaltando i 36 punti di differenziale negativo nel computo a tre, che vede la Fortitudo a +25 con Belgrado a -10 e Artland a -15, solo in tal caso sorpasserebbe in extremis entrambe le contendenti. Proprio di fronte all’imprevedibilità e ineluttabilità delle situazioni, la Fortitudo dovrà porsi l’unico obiettivo di concentrarsi completamente sulla propria partita e su se stessa. Diretta televisiva su E’tv radiofonica su Radio Bruno (con link su Fortitudo.it).

Vive in ogni persona la squadra, Cesare Pancotto, ed è lui che la squadra si riflette ad un giorno dall’ultimo turno di Eurocup a Valencia. “Sarà una partita importante per verificare gli evidenti passi in avanti della squadra dal punto di vista del gioco, della difesa, della personalità e del carattere. E’ chiaro che il Pamesa ci porrà davanti gli ostacoli più grandi, ma soltanto confermando la crescita in atto potremo ambire a dare una risposta positiva, cercando di tornare a portare dalla nostra il risultato. Partiremo con un quintetto inedito, sia perché amo fare queste cose, sia perché ritengo sia importante dare opportunità a tutti e inoltre voglio verificare certi tipi di scelte che stiamo portando avanti. Stiamo facendo le cose col piglio e con la testa giusta, il preludio indispensabile per tornare a strappare il biglietto. Ora dobbiamo concentrarci sull’aspetto qualitativo, perché nell’ultimo mese abbiamo risultato soltanto un giorno svolgendo un lavoro molto quantitativo, ma allo stesso tempo ha migliorato la qualità del gioco e ora ci manca soltanto l’ultimo passo per tornare a poter dare soddisfazione ai nostri tifosi, ed è per questo obiettivo che squadra e Società stanno lavorando all’unisono”. Sarà difficile non andare con la testa alla sfida contemporanea in Germania… “Invece, dovremo pensare unicamente a giocare la nostra miglior partita, senza curarci di quello che accade in Germania. Non possiamo controllare le cose, per questo dobbiamo sgombrare la mente e rimanere concentrati unicamente sulla nostra gara, anche questo aspetto può rappresentare un sintomo di crescita”. La forza del Pamesa è tale che, forse, più che prepararsi sugli spagnoli bisogna proprio prepararsi su se stessi. “E’ così, assolutamente. Sia per il poco tempo che abbiamo avuto per allenarci dall’ultima partita, sia per la grande forza del Pamesa, che rappresenta per quantità e qualità una delle prime formazioni di Spagna. La nostra scelta è stata proprio quella di puntare tutto sulla crescita della nostra squadra e andare in campo con la massima carica possibile, siamo convinti che sia questa la strada per cercare fino in fondo di portare a casa un risultato positivo”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.