Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Pasqua non sarà Natale, e quindi la consuetudine di effettuare un regalo a parenti ed amici è molto meno radicata rispetto alla festività decembrina. Nonostante questo, a 4 giorni dalla Pasqua, lasciate che chiediamo anche noi un regalo, un’ipotetica sorpresa da inserire nell’uovo di cioccolata. Nonostante le dimensioni decisamente eccessive per riuscire ad entrare all’interno di un ovetto, lasciate quindi che chiediamo una palla a spicchi da inserire dentro al nostro regalo di cioccolata. Chiediamo quindi una Fortitudo vera nella quale riconoscersi e credere, che sgombri il campo da qualsiasi interpretazione, come va invece di moda in questi giorni nei quali di F scudate ce n’è almeno un paio, con la vecchia che non vuole assolutamente andarsene (e che anzi rilancia), del tutto incurante del vicolo cieco nel quale ha gettato non solo sè stessa ma anche e soprattutto i tifosi biancoblù, ma anche con la nuova, di Fortitudo, che stenta oltremodo non solo ad imporsi ma anche solamente a legittimarsi attraverso la nascita di una nuova e definitiva entità. Tutto questo mentre la squadra che va attualmente in campo con il simbolo sul petto non riesce nemmeno a raggiungere i playoff di B Dilettanti: roba davvero indigesta, per chi ha vissuto scudetti e finali d’Eurolega. Ma, da mettere come sorpresa dentro all’uovo di Pasqua, chiediamo anche un’altra Virtus: una Virtus magari non capace di vincere (oggi per questo occorrerebbero budget che non sono a disposizione sotto le Due Torri), ma almeno di convincere, senza che ci venga detto ogni giorno che più di così non si può fare, quando squadre e realtà che costano la metà delle V nere (come Avellino o Varese) ottengono migliori risultati, come la stessa classifica dice. Una Virtus che, infine, non ci venga a raccontare ogni giorno che i suoi tifosi sono sereni e contenti, appunto, come delle Pasque, quando i dati ufficiali della Lega Basket recitano invece un 20% di spettatori paganti in meno solo nell’ultima stagione. Perché a Pasqua non si sarà tutti più buoni, come invece capita a Natale, però nemmeno più scemi.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.