Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

A Bologna è difficile lavorare? Non stiamo parlando, chiariamolo subito, di disoccupazione, di precariato o di mobbing, ma di come, improvvisamente, pare diventato durissimo lavorare nello sport sotto le 2 Torri. I fatti dicono che nel calcio la primissima panchina di serie A saltata è stata quella del Bologna, di Daniele Arrigoni, mentre nel basket, guarda caso, la prima panchina di serie A saltata è stata quella della Virtus, di Renato Pasquali. Se poi volessimo allargare il discorso, potremmo notare come, sempre nel basket, la prima panchina di Lega Due saltata sia stata quella di Massimo Galli a Rimini, che da Bologna non è che disti proprio moltissimo. Ogni situazione è diversa, questo lo si sa, però in effetti si può cominciare a parlare di un vero e proprio trend, perché non è che l’allontanamento di Pasquali dalla panchina bianconera sia stato esattamente un evento a se’ stante. La storia recente delle V nere ci dice che negli ultimi 6 anni (quelli di Sabatini, per intenderci) sono stati addirittura 7 gli allenatori avvicendati: alla faccia della continuità. Non che, dall’altra parte di Basket City ci si sia mossi poi diversamente: in Fortitudo, nello stesso periodo, si sono succeduti 3 proprietari diversi ma il vizietto di cambiare manico è perdurato, dal momento che negli stessi 6 anni sono stati addirittura 8 gli allenatori succedutisi sulla panca biancoblù. Facile immaginare come, in questa situazione, l’attuale coach biancoblù Dragan Sakota passi le giornate con le mani in tasca, pronto a toccarsi di continuo i gioielli di famiglia. La chiave di tutto ciò, probabilmente, sta nel fatto, semplice ed inoppugnabile, che a Bologna le aspettative sono altissime. Ma è altrettanto inoppugnabile che, in tutti questi avvicendamenti, è stato davvero rarissimo che un cambio di allenatore abbia portato grandi miglioramenti: forse l’unico caso di un vero cambio di passo fu quello di Jasmin Repesa alla Fortitudo, 6 anni fa. Particolare, davvero, il fatto che il coach licenziato in quell’occasione fu proprio il nuovo arrivato di casa Virtus, vale a dire Matteo Boniciolli.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.