Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20150410.mp4
Non sempre le difficoltà devono essere considerate negative. E Lopez in questa stagione ne è stato l’emblema. Degli assenti non ha mai voluto parlare perchè è giusto responsabilizzare i presenti. E così l’infortunio a Zuculini, la lunga squalifica di Laribi o la febbre che non permette a Cacia neppure di essere convocato daranno l’opportunità ai compagni di crescere e al tecnico di continuare a sperimentare nuove soluzioni. In modo particolare ha capito che la sconfitta di Carpi non ha avuto contraccolpi psicologici verso la conquista della serie A. Con la difesa a tre non solo utilizza gli uomini migliori a sua disposizione, ma sui calci piazzati ha tre giocatori che possono essere molto pericolosi. Nello stesso momento in settimana da più parti è arrivata la notizie del possibile ritorno a quattro, anche se il tecnico ha detto che con questa disposizione “bisogna lavorare molto di più”. A centrocampo Ceccarelli e Morleo saranno comunque gli esterni, con Matuzalem e Krsticic sicuri a centrocampo, mentre i terzo dovrebbe essere Bessa, sia schierato da mezzala destra o da punta alta del rombo nel caso di 4-4-2. In attacco sembra certo la presenza di Mancosu e Sansone, con Improta pronto a dare una mano.
Intanto sono circa 600 i tagliandi per il settore ospiti che sono stati acquistati fino a questa sera. Qualcuno sarà stato acquistato pure in tribuna e dunque il numero dei settecento tifosi rossoblù presenti allo stadio Rigamonti e che tiferanno per Mancosu e compagni. Tra loro anche il presidente del Bologna Joe Tacopina, che dovrebbe portare il proprio saluto alla squadra in ritiro da ieri sera. Proprio a Brescia Fenucci parlerà con l’assessore Rizzo nervo sul discorso stadio. Sarà solo un primo incontro, che andrà approfondito, per un argomento che sarà seriamente affrontato solo a serie A raggiunta, ma per il quale c’è una decisione importante da prendere: poter realizzare un impegnativo restyling al Dall’Ara e a tutta la zona circostante, oppure pensare ad una nuova costruzione, decisamente di più facile progettazione, forse anche meno costosa, ma decisamente meno affascinante dal punto di vista della storia legata ad uno stadio che ha già la veneranda età di quasi 90 anni.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.