Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Tra infortuni e nazionali capire quale Bologna potrà scendere in campo domenica all’Olimpico con la Roma è un po’ come sfogliare la margherita. Facendo un semplice conto della serva non ci sono Moras e Mudingayi, fermi Di Vaio, Marchini e Coelho, Valiani con l’otite, solo ieri sono tornati in gruppo Britos, Zenoni e Cesar, mentre Paonessa continua la fisioterapia. Dunque dei 29 ufficialmente in rosa Mihajlovic non ne ha neppure una ventina e tra questi vi sono giocatori come Confalone, piuttosto che Campironi o Colombo che si allenano da seri professionisti ma che non hanno possibilità di scendere in campo. Allora? Beh, probabilmente il tecnico spera soprattutto di recuperare Di Vaio, la cui caviglia migliora e, come ha detto Lavecchia a centrocampo, la trasmissione di Telecentro del martedì sera, non si è gonfiata neppure tanto e riusciva a camminare abbastanza bene.
Intanto nel pomeriggio a Casteldebole una delegazione dei tifosi, formata dai ragazzi della curva e da rappresentanti del Centro Bologna Clubs ha incontrato la società e un gruppo di giocatori. Incontro franco su come affrontare insieme le ultime nove di campionato in uno spirito di unità di intenti che abbia come unico scopo la salvezza del Bologna. Mihajlovic è stato chiaro: se qualcuno non si impegna per questo obiettivo finisce fuori squadra, così come si sono dimostrati convinti Di Vaio, Castellini, Terzi e Volpi.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.